Kristian Thorstvedt, la Norvegia non è solo Haaland

Mezzala o trequartista, 22 anni, gioca in Belgio nel Genk, che ha lanciato Koulibaly, De Bruyne, Milinkovic e Malinovskyi
Kristian Thorstvedt, la Norvegia non è solo Haaland© EPA
Stefano Chioffi

L’impronta è quella dell’Ajax. Stessa politica aziendale del club olandese: scoprire talenti, valorizzarli e venderli. È questa la prima regola. Il Genk, a livello di scouting e di struttura organizzativa, è la nuova perla del Belgio. Colpisce la Top 11 dei giocatori lanciati: Cortouis in porta, Castagne e Maehle sono i due terzini, Koulibaly e Colley i difensori centrali. De Bruyne, Milinkovic, Malinovskyi e Berge (ceduto allo Sheffield United per 23 milioni) formano il centrocampo ideale. In attacco, Benteke con Leon Bailey o Hagi jr. Si lavora solo con i giovani, il modello è l’Ajax. La squadra è allenata da un olandese, John Van den Brom, e il suo vice è un italo-belga, Domenico Olivieri, classe 1968. Il gruppo ha un’età media di 23,4 anni. Jochen Janssen è il responsabile dello scouting del Genk, mentre il direttore generale è Eric Gerets, ex terzino del Milan di Giussy Farina e del Belgio di Guy Thys, secondo all’Europeo del 1980, mentre l’Italia veniva travolta dallo scandalo del calcio-scommesse.

LE SCOPERTE - Il Genk ha un centravanti nigeriano, Paul Onuachu, classe 1994, alto due metri e 01, che ha segnato 39 gol in 45 partite di Jupiler League e sogna di ripetere la parabola di Osimhen. Le offerte sono già arrivate, soprattutto dalla Premier: viene seguito dall’Arsenal e dall’Aston Villa. Ma nelle ultime settimane l’attenzione dei grandi club si è concentrata su Kristian Thorstvedt, ventidue anni, norvegese, mezzala o trequartista, fisico alla Milinkovic: colpi eleganti, forza atletica, un metro e 89, mancino, corsa, resistenza, fantasia, cresciuto nello Stabaek e nel Viking prima di trasferirsi in Belgio nel 2019. Costo dell’operazione: un milione e mezzo. Ha segnato dieci gol nella Jupiler League dall’estate del 2020.

LA STORIA - Figlio d’arte: suo padre Erik è stato uno dei portieri più apprezzati nella storia del calcio norvegese, vanta il record di presenze in nazionale (97) e ha giocato anche nel Borussia Mönchengladbach e nel Tottenham. Kristian Thorstvedt ha il contratto che scade nel 2023 e il suo procuratore è Jim Solbakken. È nato a Stavanger, sede di molte società petrolifere, il 13 marzo del 1999 e ha scelto il 42 come numero di maglia nel Genk. Nove partite e tre gol con la Norvegia, che ha trovato con questo centrocampista un’altra certezza dopo il fenomeno Haaland.

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti