Corriere dello Sport

Cinema

Vedi Tutte
Cinema

L'ordine delle cose: l'intervista a Valentina Carnelutti e Giuseppe Battiston

L'ordine delle cose: l'intervista a Valentina Carnelutti e Giuseppe Battiston

Presentato come proiezione speciale a Venezia 74, L'ordine delle cose, il nuovo film del regista Andrea Segre.

 

venerdì 1 settembre 2017 11:54

Presentato come proiezione speciale a Venezia 74, L'ordine delle cose, il nuovo film del regista Andrea Segre. Corriere dello Sport in collaborazione con Cinefilos.it ha incontrato e intervistato i due protagonisti Valentina Carnelutti e Giuseppe Battiston.

Nel film Corrado (Paolo Pierobon) è un alto funzionario del Ministero degli Interni italiano specializzato in missioni internazionali contro l’immigrazione clandestina. Il Governo italiano lo sceglie per affrontare una delle spine nel fianco delle frontiere europee: i viaggi illegali dalla Libia verso l’Italia. La missione di Corrado è molto complessa, la Libia post-Gheddafi è attraversata da profonde tensioni interne e mettere insieme la realtà libica con gli interessi italiani ed europei sembra impossibile. Corrado, insieme a colleghi italiani e francesi, si muove tra stanze del potere, porti e centri di detenzione per migranti. La sua tensione è alta, ma lo diventa ancor di più quando infrange una delle principali regole di autodifesa di chi lavora al contrasto dell’immigrazione: mai conoscere nessun migrante, considerarli solo numeri. Corrado, invece, incontra Swada, una donna somala che sta cercando di scappare dalla detenzione libica e di attraversare il mare per raggiungere il marito in Europa. Come tenere insieme la legge dello Stato e l’istinto umano di aiutare qualcuno in difficoltà? Corrado prova a cercare una risposta nella sua vita privata, ma la sua crisi diventa sempre più intensa e s’insinua pericolosa nell’ordine delle cose.

Andrea Segre ha commentato: "Quella di Corrado è la condizione di molti di noi in quest’epoca che sembra aver metabolizzato l’ingiustizia. La tensione tra Europa e immigrazione sta mettendo in discussione l’identità stessa dell’Europa. Corrado e la sua storia raccontano questa crisi d’identità. Ho cercato in lui, nel suo ordine e nella sua tensione emotiva, quelle della nostra civiltà e del nostro tempo. Sappiamo bene quanto stiamo abdicando ai nostri principi negando diritti e libertà a essere umani fuori dal nostro spazio, ma proviamo a non dircelo, o addirittura a esserne fieri. È questa crisi che mi ha guidato eticamente ed esteticamente nel raccontare il mondo di Corrado, un mondo tanto rassicurante quanto inquietante."

Articoli correlati

Commenti