Moto GP Esport Championship: gli italiani e il rapporto con i genitori

In attesa della semifinale del 7 Settembre, i giocatori italiani raccontano le considerazioni dei loro genitori sul movimento eSports e sull'evento live.
Moto GP Esport Championship: gli italiani e il rapporto con i genitori
TagsMotogpseriesmisano

Mancano ormai poche ore all'inizio della prima semifinale della MotoGP Esport Series. A Misano cinque nostri connazionali stanno per sfidare i migiori giocatori internazionali per ottenere un posto in finale. Abbiamo iniziato a conoscerli meglio qualche giorno fa: adesso proseguiamo per capire il loro rapporto con i genitori e la scelta di diventare un giocatore professionista.

Ivan Avella: “I miei genitori non sono mai stati entusiasti di vedermi giocare alla Playstation, però chiaramente ora che sono consapevoli che giocare ai videogiochi può offrire sbocchi lavorativi e che io ne sono capace nel mio settore, mi appoggiano in tutto e per tutto facendo anche dei bei sacrifici, che apprezzo tantissimo. Se sono a Misano un buon 30% è loro.”

Lorenzo Daretti: “Parlando con mio padre a riguardo, ha espresso un parere favorevole agli eventi live organizzati dal settore eSport! Queste nuove realtà sono ormai divenute già da qualche anno una consolidata certezza e in continua crescita! E proprio per questo lo sviluppo e l'aumento degli eventi live porteranno a una diffusa globalizzazione di questa nuova realtà sportiva. Parlando di MotoGP eSport stiamo assistendo ad una continua evoluzione organizzativa: quest'anno dopo le qualificazioni online ci saranno due semifinali live e la finalissima a Valencia.”

Andrea Saveri: “I miei genitori sono molto contenti del fatto che mi sono qualificato per questa Semifinale eSport di MotoGP; in particolare mio padre, che essendo anche lui un grande appassionato non vede l’ora di andare a Misano. Anche loro stanno capendo sempre di più cosa sono gli eSports e si rendono conto che da un semplice gioco si sta passando a qualcosa di molto più grande. Per me sarà la prima volta ad un evento live, quindi sarà una nuova esperienza. Sia io che i miei genitori siamo davvero curiosi di come sarà organizzato e facciamo il conto alla rovescia per il 7 settembre.”

Davide La Morgia: “Un anno e mezzo fa, nessuno in famiglia, compreso il sottoscritto, era al corrente di cosa fosse l'eSport. Dopo la qualificazione dell'anno scorso è stato visto di buon occhio grazie alla possibilità di andare ad un evento reale ed esclusivo come un Gran Premio a giocarsi premi e titolo.”

Luigi Attruia: “Inizialmente i miei genitori erano molto scettici e non credevano possibile che bastasse giocare a un videogame per ottenere tutto ciò, ma dopo aver visto la realtà dei fatti sono rimasti molto affascinati da questo mondo e dà allora non fanno altro che incoraggiarmi. Il loro supporto durante la fase di qualificazione è stato determinante e mi ha dato quella carica in più che serviva per dare il massimo e riuscire ad accedere alla prima semifinale del campionato. Pertanto se oggi sono qui, lo devo anche a loro!”

Servizio a cura di GEC - Giochi Elettronici Competitivi

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti