Intervista a Nils Naujoks, Direttore del Red Bull Racing Esports Team
Altre eSports
0

Intervista a Nils Naujoks, Direttore del Red Bull Racing Esports Team

Oltre al classico campionato su quattro ruote quasi tutte le scuderie del circus della Formula1 competono anche sui circuiti virtuali con i rispettivi simdriver ufficiali. Fra loro anche la Red Bull Racing.

La Formula1 usa tutti i giorni i simulatori di guida per i propri piloti ma da due anni ha capito quanto quei programmi possono essere utili anche per realizzare una competizione esport. Grazie alla collaborazione con i creatori del videogioco Formula1, infatti, è stato istituito il campionato ufficiale, dal 2018 con le stesse scuderie del circus di F1, anche se non tutte.

Per conoscere meglio il mondo che ruota attorno a esso abbiamo iniziato una serie di interviste. La prima è dedicata a Nils Naujoks, Direttore del Red Bull Racing Esports Team che ha stretto una collaborazione con i G2 Esports, una delle più importanti realtà esport internazionali.

Red Bull e G2 Esports. Com’è iniziata la collaborazione tra i due team?

“Gli eSports sono ancora, in generale, un fenomeno abbastanza giovane e due dei più forti brand nei loro rispettivi campi, Red Bull Racing and G2 Esports, si sono trovati insieme sorprendentemente. È molto importante notare che il nostro attuale Red Bull Racing Esports Team sta rappresentando la divisione Esports della Formula 1 e non direttamente con i G2 Esports. Detto ciò, è fantastico vedere la crescita degli eSports nel mondo della Formula 1 e oltre. Red Bull Racing è molto orgogliosa di questa avventura e sta già lasciando il segno in tutti i sim-racing con superstar come Frederik Rasmussen, Cem Bolukbasi, Aurélien Mallet e molti altri.”

Che cosa ne pensate del distacco tra il mondo reale e virtuale in F1? Riguardo ai piloti, i due mondi potrebbero mai unirsi?

“Io voglio iniziare in modo diverso. Ci sono già stati diversi esempi in cui i piloti del mondo virtuale potevano unirsi e fondersi facilmente con i veri piloti. Sebastian Job dal nostro Red Bull Racing Esports Team per esempio, ha fruito di una stagione di successo in Formula Ford. Anche il famoso Enzo Bonito ha battuto due campioni del mondo durante il Race of Champions all’inizio dell’anno. Quindi mentre ci sono stati alcuni crossover in entrambe le direzioni, non c’è stata ancora una volta in cui un pilota è passato dal mondo virtuale al mondo reale della Formula 1. Sono sicuro, tuttavia, che alcuni di loro con un po’ di allenamento fisico per far fronte alle enormi forze, potrebbero anche gestire una vettura di F1- ma tutto ciò deve essere ancora dimostrato.”

Gli Esports sono veramente lo sport del futuro? E in Formula 1, sono il giusto connubio?

Gli Esports hanno già dimostrato molto più di essere una nicchia negli sport, nel settore dell’intrattenimento e accanto agli sport tradizionali. Non penso che uno rimpiazzerà l’altro poiché entrambi sono mondi diversi e si rivolgono ad un pubblico diverso. Gli Esports stanno crescendo velocemente al momento e potrebbero giocare un ruolo molto più grande in futuro. Difficilmente posso parlare in riguardo alla F1, ma la loro difficoltà nel raggiungere il pubblico dei giovani, soprattutto con gli Esports sta andando nella giusta direzione. Il loro investimento in questo campo è ancora nelle prime fasi e c’è ancora qualcosa da imparare per sviluppare ulteriormente gli Esports della F1 e raggiungere un pubblico più ampio.

Infine, quali sono le competizioni in cui vi vedremo protagonisti? E quali sono i vostri obiettivi per questa stagione?

Noi competeremo in molti giochi di corse e nelle maggiori competizioni. Naturalmente il nostro obiettivo è di vincere quanti più titoli e gare possibili, ma la concorrenza è diventata feroce con i montepremi in crescita e con tutti coloro che investono enormi quantità di tempo e sforzi. Le griglie in tutte le competizioni sono incredibilmente strette con solo una frazione di secondo che separa il primo posto dall’ultimo posto della griglia. Lavoreremo sodo per avere quello che serve per arrivare in cima e avere un anno decente con il Red Bull Esports Racing Team.

Servizio a cura di GEC - Giochi Elettronici Competitivi

Tutte le notizie di Altre eSports

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti

In edicola

Prima pagina