Ferrari, AS Roma e QLASH le migliori a comunicare negli esport

Un report, stilato da OIES e Arkage, incorona Ferrari, AS Roma e QLASH tra le figure che meglio sono riuscite a comunicare nel mondo dell'esport nazionale

© Arkage/OIES

La macchina esportiva in Italia non accenna a fermarsi e tantissimi sono gli eventi che si stanno susseguendo per la crescita del settore nel nostro paese. L'ultimo, in ordine di tempo, è stato l'evento organizzato dall'OIES (Osservatorio Italiano Esport), in collaborazione con l'azienda post-digital italiana Arkage, in cui, i due organi, hanno stilato il primo Esport Media Report con analisi e risultati su aziende e team che meglio comunicano nel settore. Infatti, i risultati riportano l'impatto mediatico di aziende, brand, team, gamer e streamer stilando vere e proprie classifiche di influenza. Sono molti i settori considerati, ma, innanzitutto, è bene soffermarci su una classifica generale di influenza mediatica. Al primo posto si proietta la Ferrari, con le sue 3,2 mila menzioni, piazzandosi davanti ad Asus (1,8 mila). Sul podio finisce anche Samsung (1,68 mila), mentre chiudono la Top 5 Red Bull, Logitech e TIM (tutte a 1,6 mila). Vediamo brevemente anche i risultati per alcuni settori specifici:

Classifica aziende/brand

  1. Ferrari (3,26 mila menzioni)
  2. Asus (1,83 mila)
  3. Samsung (1,68 mila)

Classifica squadre di calcio

  1. AS Roma (668 menzioni)
  2. Inter (504)
  3. Monza (426)

Classifica team

  1. QLASH (17,6 mila menzioni)
  2. MCES (3,91 mila)
  3. MKERS (1,74 mila)

Classifica gamer

  1. Paolocannone (133 menzioni)
  2. Prinsipe (79)
  3. Stermy (65)

Classifica streamer

  1. Favij (90 menzioni)
  2. Cicciogamer89 (45)
  3. Twoplayersoneconsole (1)

"L'Esports Media Report ha rappresentato un primo tassello fondamentale nella comprensione degli Esports
in Italia", hanno commentato Luigi Caputo ed Enrico Gelfi, fondatori dell'OIES. "Per la prima volta è stata
condotta un'analisi quantitativa con parametri oggettivi su quali siano ad oggi gli stakeholder che investono
di più e meglio in comunicazione. Soprattutto nei team e nei gamer si nota questa disparità tra impegno
profuso nella crescita social e mancanza dello stesso nella cura dell'impatto sui media tradizionali."

"Il coinvolgimento del pubblico durante la presentazione dei risultati e le importanti evidenze emerse, ci
hanno confermato la rilevanza di questo report e l’interesse di pubblico e aziende nei confronti del mercato
esportivo italiano" ha dichiarato Andrea Pomponi di Arkage.

Commenti