Esl e Flowe chiudono il primo torneo eco-green al mondo

Si è tenuto in Italia il primo evento esports a impatto zero a livello globale: a trionfare Mangano e i B04 Star.
Esl e Flowe chiudono il primo torneo eco-green al mondo
Tagsesl

Mentre impazza il dibattito a livello globale sulle misure da prendere per sostenere l'ambiente, in Italia si è disputato il primo torneo esports al mondo a impatto zero: è l'ESL Flowe Championship, giocato su PlayStation, che si è posto come obiettivo principale creare un campionato "sostenibile", sensibilizzando al tempo stesso la community sui temi ambientali e mirando a compensare le emissioni di CO2 a livello globale, attraverso un’iniziativa concreta a supporto delle generazioni future.

Più alberi per tutti

Nel progetto sono stati coinvolti LCA-lab, società di ricerca e consulenza ambientale e ZeroCO2, società benefit che realizza progetti di riforestazione, afforestazione, messa a dimora di alberi in aree urbane ed extra urbane in diversi luoghi del mondo. LCA-lab srl ha realizzato uno studio di Carbon Footprint simulando uno scenario rappresentativo che ha stimato che, nel corso dell’intero torneo – a cui oltre 1.200 player hanno partecipato mettendosi in gioco nel rispetto del pianeta - le emissioni di CO2 sono state pari a 64.404 KG CO2eq. Grazie a questi dati, zeroCO2 ha piantato 160 alberi che assorbiranno la quantità di CO2eq calcolata e che supporteranno famiglie contadine in America Latina, favorendone il sostentamento.

I vincitori del torneo

I titoli selezionati per competere e conquistare il titolo di campione nazionale sono stati Gran Turismo Sport, in cui ha trionfato Giorgio “Williams_Gio” Mangano, e Call of Duty Black Ops Cold War che ha visto la vittoria dei B04 Star.

Esport e Green secondo Flowe

“Con questo torneo abbiamo dimostrato che la compensazione di CO2 è un modello applicabile anche al mondo del gaming. Speriamo che questo possa essere uno stimolo per il settore e che possa aiutare a sensibilizzare anche i giocatori verso i temi ambientali e della sostenibilità, penso specialmente alle giovani generazioni”, ha commentato il CEO di Flowe Ivan Mazzoleni. “Il gaming è un mondo con cui condividiamo molte cose, come la voglia di diventare sempre più bravi divertendosi e anzi, crediamo che il videogioco sia una delle migliori forme di apprendimento, perché stimola attraverso continue prove ed errori. È proprio con un approccio del genere che attraverso la nostra app ad esempio aiutiamo le persone a migliorare anche nella gestione dei propri risparmi oppure a potenziare il proprio spirito imprenditoriale”.

Esport e Green secondo ESL

“Siamo molto soddisfatti di quanto è stato fatto nel corso di questa edizione del torneo, il campionato si è rivelato una giusta intuizione e ha portato dei benefici concreti e misurabili attraverso i dati che abbiamo raccolto. A rivelarsi altrettanto efficace è stata la partecipazione entusiasta dei giocatori, degli spettatori e di tutto lo staff coinvolto in questo progetto, che hanno sposato appieno la tematica green dell’ESL Flowe Championship. Il percorso è tracciato, siamo certi che questa è stata solo la prima tappa di un bellissimo viaggio” ha dichiarato Nicoletta Schenk, Brand Communications Director di ProGaming Italia.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti