Canadian: "Sono ancora affamato di vittorie"

In esclusiva per l'Italia abbiamo avuto l'opportunità di intervistare il due volte campione del mondo di Rainbow Six Siege.
Canadian: "Sono ancora affamato di vittorie"
3 min
Tagsrainbow six siege

L’avvio non è stato dei migliori in questo Six Invitational di Rainbow Six Siege per i Dark Zero. Il passo falso contro gli Elevate per 2-0 (7-4 Kafe Dostoyevsky e 8-7 su Chalet) ha scombussolato i piani di Canadian e compagni, che hanno saputo trovare la giusta reazione con i BDS grazie al 2-1 finale (8-6 Costa, 4-7 Villa e 8-6 Kafe Dostoyevsky), anche grazie proprio al due volte campione del mondo.

"Ritiro? Mai detto"

Nei Dark Zero, infatti, c’è un player che il Six Invitational l’ha già vinto. Ovviamente il riferimento è proprio per Troy “Canadian” Jaroslawski, vincitore con gli Spacestation Gaming nel 2020. Dopo aver abbandonato la scena in maniera momentanea, l’ex Evil Geniuses ha deciso di tornare protagonista nelle competizioni di Rainbow Six e di sposare il progetto Dark Zero. “Ci sono stati molti motivi che mi hanno allontanato da Siege – ha ammesso Canadian -, quando l’ho fatto però non ho mai usato la parola ritiro. Avevo perso, però, la passione e quel fuoco che ti brucia dentro quando giochi. In più non ero molto felice per quanto riguardava la mia vita, come stavo e dove ero diretto. Mi serviva del tempo per riposarmi e prendere delle decisioni, lontano dalla pressione della competizione e lontano dal gioco. Rimettendo le cose insieme ho capito quanto mi mancava essere parte di una squadra ed essere al centro di una competizione internazionale. Lo avevo dato per scontato nel passato e non averlo più mi mancava, questo mi ha portato ad apprezzarlo di più. Ora mi prendo cura di me stesso per essere sempre al mio meglio e apprezzare ogni momento questa professione”.

Six Invitational: l'obiettivo

Sugli obiettivi dei Dark Zero per il Six Invitational, invece, Canadian non ha dubbi: “Nel nostro primo match non ci siamo piaciuti – conclude – ma contro i BDS ci siamo ripresi. A decidere molte delle nostre vittorie sono stati i clutch round. Imparare ad adattarsi in fretta e a cambiare protocollo d’azione è stato fondamentale per noi. È stato importante anche il ruolo dei nostri coach che spesso si sono invertiti nel ruolo di player e di allenatore. Ognuno ha le sue specialità, c’è chi si concentra sulla strategia di round in round e di partita in partita, mentre c’è chi si specializza nella strategia più generale. Il nemico numero uno siamo noi stessi perché dobbiamo restare concentrati e sul pezzo. Ci presenteremo e daremo il massimo a ogni match, possiamo battere tutti qui e certamente non temiamo nessuno”.


Abbonati all'offerta Black Friday

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti