Rekkles vola in Corea: giocherà con i T1

Il giocatore europeo inizierà una nuova avventura a 27 anni
Rekkles vola in Corea: giocherà con i T1
2 min

Carl Martin Erik "Rekkles" Larsson, classe ‘96, è ufficialmente da oggi il nuovo support del Team Academy dei T1. L’organizzazione coreana campione del mondo 2023 ha annunciato l’ingresso nel roster che disputerà la Challenger League di uno dei giocatori più rappresentativi nella storia del League of Legends europeo.

Da botlaner a support

Pur rimanendo sempre nella stessa corsia inferiore, Rekkles ha deciso di cambiare ruolo passando da botlaner a support. Una decisione maturata tra la fine dello scorso Spring Split e l’inizio del Summer Split 2023, quando i Fnatic decisero di metterlo in panchina in seguito alla volontà del giocatore di cambiare ruolo. Come confidato dallo stesso Rekkles, in realtà, questa possibiltà l’aveva paventata già a partire dal 2014, convinto che potesse essere per lui la scelta giusta.

Una lunga carriera da protagonista

Nel corso della sua lunga carriera, iniziata nel 2013, Rekkles è stato per anni l’immagine e la bandiera del team europeo Fnatic, con cui ha vinto quattro titoli EULCS, il vecchio nome della LEC, per poi provare le avventure con i G2 Esports prima e i con i Karmine Corp nel campionato francese poi, con cui ha conquistato il titolo dell’EMEA Masters, prima di tornare per un altro anno ai Fnatic. Il rapporto idilliaco dei primi anni, tuttavia, non è ritornato e per il Summer Split l’organizzazione britannica ha preferito puntare sulla coppia Noah più Trymbi.

T1 Academy: la nuova avventura di Rekkles

Nonostante numerose offerte ricevute da alcuni team europei, Rekkles ha preferito puntare a un’avventura totalmente nuova che lo porterà a essere il primo giocatore non coreano a disputare la Challenger League, la serie cadetta del campionato LCK di Seoul. A fargli compagnia saranno Dal in corsia superiore, Guwon in giungla, Poby, che abbiamo già conosciuto in questo 2023 come sostituito di Faker in midlane, e infine Smash come botlaner.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti