Una telefonata semina il panico alla sede dell'Ubisoft Montreal

Grande paura per i dipendenti della sede della Ubisoft a Montreal, evacuati dall'edificio dopo un falso allarme

© Ubisoft

Terrore e confusione, nella giornata di oggi, alla sede dell'azienda Ubisoft a Montreal, in Canada. Tante notizie si sono susseguite durante tutto il primo pomeriggio canadese del 13 novembre su un presunto attacco terroristico alla sede, all'angolo tra Boulevard Saint-Laurent e Rue Saint-Viateur. A quanto pare una chiamata dall'interno della struttura (verso le 13 circa, ora canadese) avrebbe allertato le forze dell'ordine che, data la presunta gravità della situazione, si sono precipitate in massa per soccorrere i civili. La paura è stata tanta per i dipendenti, alcuni dei quali si sono rifugiati sul tetto dell'edificio, come dimostrano le riprese dall'alto di alcune televisioni locali. Si è per questo parlato di persone prese in ostaggio e, addirittura, di un presunto riscatto di 2 milioni di dollari chiesto dai terroristi. Le stesse forze dell'ordine, attraverso i loro social, hanno consigliato ai civili di stare alla larga dal luogo del presunto attacco, mentre l'intero edificio veniva evacuato totalmente. Fortunatamente, con l'evacuazione e le verifiche delle forze dell'ordine, queste ultime hanno dichiarato di non aver rilevato nessuna minaccia specifica, tutto questo intorno alle 18, dopo ben 5 ore di operazioni. Forse un brutto scherzo di un malintenzionato o di un gruppo di persone, fatto sta che questa situazione ha tenuto in scacco l'intero quartiere Mile-End, sede dell'Ubisoft Montreal, per alcune ore.

Commenti