Red Bull Factions: la grande vittoria dei GG & Beer

La finalissima del Red Bull Factions ha visto i GG & Beer vincitori sui favoritissimi MKERS, che hanno perso la bussola nel momento più importante
Red Bull Factions: la grande vittoria dei GG & Beer© Red Bull

Nella serata di sabato 5 dicembre si è concluso il breve split del Red Bull Factions, con la finalissima che ha visto GG & BeerMKERS scontrarsi per la conquista del titolo. Alla fine, i GG, hanno avuto la meglio sui loro avversari, tirando fuori una prestazione incredibile sotto molto punti di vista. Si ripete la maledizione dei MKS, che ancora non riescono a conquistare un titolo nella scena competitiva italiana di League Of Legends.

La maledizione dei MKERS

MKERS arrivavano a questa finale con tutti i favori dei pronostici, freschi di un primo posto incontestato nella fase di campionato del Red Bull Factions. Le loro prestazioni avevano lasciato tutti a bocca aperta, e lo zero nella casella delle sconfitte era una prova chiara di una stato di forma superiore alla media. Purtroppo, però, le cose non sono andate secondo i piani. Come già successo nel corso dei playoff del PG Nationals, i MKERS si sono accartocciati su loro stessi progendo il fianco ad un avversario che non si è fatto pregare.

Nella finalissima del torneo abbiamo visto una squadra confusa, sperduta e decisamente poco coesa nei suoi reparti. Ogni azione proposta dalla squadra era eseguita in modo errato, ogni giocatore sembrava una singola unità scollata dal resto dei suoi compagni. Inoltre Gabbo, giocatore simbolo del team, non era in giornata ed è stato un fattore determinante nella sconfitta dei MKERS.

Sulle ali di Dehaste

GG & Beer erano considerati da tutt un buon team, che però non aveva troppe pretese per il titolo del Red Bull Factions. La loro lotta con il NAT per il secondo posto del campionato aveva messo in luce delle criticità importanti, specialmente in vista della finale da disputare contro i MKERS. Nonostante queste premesse poco felici, i GG hanno smentito i pronostici e si sono imposti sui loro avversari con un secco 3-0. Si sono distinti per la compattezza e per la gestione dei fight, riuscendo a capitalizzare su ogni minimo errore fatto da Gabbo e compagni. Il loro essere squadra ha fatto la differenza. Infine non si può non lodare il midlaner Dehaste, vero carry di una compagine che è riuscita a stupire nel momento più importante.

Commenti