Corriere dello Sport

Formula 1

Vedi Tutte
Formula 1

F1 Singapore: trionfa Rosberg, Raikkonen 4°. Vettel, che rimonta!

F1 Singapore: trionfa Rosberg, Raikkonen 4°. Vettel, che rimonta!
© EPA

Il pilota della Mercedes vince davanti a Ricciardo e Hamilton e torna in vetta al Mondiale. Il tedesco della Ferrari chiude al quinto posto dopo la partenza in ultima posizione

Sullo stesso argomento

 

domenica 18 settembre 2016 16:12

SINGAPORE - Ancora Nico Rosberg, anche nel Gp di Singapore. Il pilota della Mercedes conquista l’ottava vittoria in stagione, la prima sul circuito di Marina Bay, e torna in testa al Mondiale piloti. Ha tentato il tutto per tutto Daniel Ricciardo, alla fine secondo, mentre per Lewis Hamilton c’è solo il gradino più basso del podio davanti a Kimi Raikkonen. Coraggiosissima la prova di Sebastian Vettel: partito ultimo, il ferrarista ha condotto una gara eccezionale tutta all’attacco, strappando alla fine una preziosa quinta posizione. Dietro il tedesco troviamo Verstappen, stavolta male al via, mentre Alonso è settimo davanti a Perez, Kvyat e Magnussen.

FESTA ROSBERG - FOTO

PRONTI, VIA, SAFETY CAR Subito gran confusione al via: Rosberg tiene la testa davanti a Ricciardo e Hamilton, ma a metà schieramento c’è un contatto tra Sainz e Hulkenberg impegnati nel sorpasso su Verstappen. La Force India ha la peggio e va a sbattere contro il muro, la Safety Car entra subito in pista. Poco dopo, quando la gara riparte, Hamilton prova subito l’assalto a Ricciardo, con Raikkonen che insegue in quarta posizione. Male Verstappen, scivolato all’ottavo posto dopo una partenza lentissima, molto più indietro Vettel inizia la sua rimonta. Rosberg non ci mette molto a fare il vuoto sugli inseguitori, anche se dal box gli raccomandano più volte di gestire la temperatura dei freni: dopo 10 giri il vantaggio su Ricciardo è di oltre 4 secondi, più di 7 quelli su Hamilton. Raikkonen insegue il britannico con 2 secondi di ritardo, mentre Vettel prosegue la sua risalita in tredicesima posizione. 

RINGHIO KVYAT La situazione nel gruppo di testa rimane invariata dopo il primo pit stop. Vettel, sempre in pista con le soft, approfitta delle soste di Alonso e Verstappen per entrare nella top 10, fino al sesto posto, prima di tornare tredicesimo dopo il cambio gomme al 25/o giro. Si infiamma invece il duello tra Kvyat e Verstappen, a ridosso della nona posizione: il russo della Toro Rosso non fa sconti all’olandese che lo ha “spodestato” dalla Red Bull e chiude la strada all’attacco ripetuto del giovane rivale. Più avanti, però, sarà Verstappen ad avere la meglio, prendendosi il sesto posto finale.

FURIA VETTEL Intanto si fa da brividi anche la rimonta di Vettel, che approfitta della battaglia tra Sainz e Gutierrez per realizzare un doppio sorpasso sgusciando nei pochi centimetri di spazio a disposizione. La decima posizione è di nuovo sua, ma anche Raikkonen, più avanti, rimonta inesorabilmente su Hamilton, decisamente in difficoltà con i freni e con il passo gara. Nemmeno Rosberg riesce a involarsi come al solito: la sua Mercedes tiene, ma a quasi metà gara ha “solo” 6 secondi di vantaggio su Ricciardo.

RAIKKONEN CONTRO HAMILTON Hamilton poco dopo ci mette anche del suo: un bloccaggio in frenata dà il la a Raikkonen che lo sorpassa (con un leggero contatto sugli pneumatici del britannico) appena prima di rientrare per la seconda sosta, insieme a Rosberg e Ricciardo. Il campione del mondo fa lo stesso poco dopo, e quando torna in pista è ancora dietro il finlandese, in quarta posizione. Mentre il ferrarista riparte all’inseguimento della Mercedes e della Red Bull davanti a lui, Vettel continua la sua gara all’arrembaggio e arriva in quinta posizione. Il tedesco tira la vettura al limite prima di rientrare ancora per l’ultimo cambio e tornare in battaglia: per lui ultrasoft per mantenere la posizione, un quasi miracolo visto da dove partiva.

FINALE DA BATTICUORE Poi si fa caldissima la lotta per l’ultimo gradino del podio. Hamilton rientra per primo per il cambio gomme finale (supersoft), Raikkonen - fino a quel momento davanti al pilota della Mercedes - torna ai box un giro dopo (per lui ultrasoft), ma riappare alle spalle del britannico e lì rimarrà fino al traguardo nonostante i tentativi di rimonta. La sosta del campione del mondo costringe al rientro anche Ricciardo, che però mantiene il secondo posto. Il finale si fa emozionante: Rosberg, unico a non effettuare l’ulteriore cambio gomme, soffre il ritorno dell’australiano, che con pneumatici freschi recupera dai 2 ai 3 secondi a giro, divorando il vantaggio accumulato dal tedesco fino a quel momento. Arriverà fino a 4 decimi dal pilota Mercedes, in un ultimo giro da batticuore, ma è Rosberg a festeggiare l’ottava vittoria in stagione e la nuova leadership in classifica generale.

La diretta della gara

Singapore, Rosberg in pole

Articoli correlati

Commenti