F1, Alesi: «Leclerc sarà uno stimolo per Vettel»
© Getty Images
Formula 1
0

F1, Alesi: «Leclerc sarà uno stimolo per Vettel»

L'ex pilota francese ha parlato dopo i risultati dei test a Montmelò

ROMA - «Al Montmelò si è vista una Ferrari competitiva dai primi giri e questo vale oro: di sicuro ci sarà una Mercedes fortissima, ma la Ferrari sembra un filo più competitiva rispetto a come si è presentata l'anno scorso. Di sicuro la Mercedes si è presentata nei due test a Barcellona con due macchine molto diverse e non è un buon segno perché il progetto iniziale non ha dato quello che speravano sulla carta, mentre la Ferrari si è presentata con una macchina velocissima e poi ha lavorato per svilupparla ulteriormente». Sono queste le sensazioni di Jean Alesi, in un'intervista rilasciata a Radio Sportiva, a due settimane dal via del Mondiale di Formula 1. «Credo che il fatto di aver preso un giovane come Leclerc sia uno stimolo anche per Vettel che a metà dell'anno scorso si è perso per motivi che nessuno ha capito: Leclerc è cresciuto in Ferrari, conosce bene l'ambiente e non ha pressioni perché Binotto ha spiegato che deve seguire gli ordini di scuderia e aiutare Vettel - ha aggiunto l'ex pilota francese - Non metterà in dubbio il ruolo di prima guida di Vettel ma di sicuro saranno molto vicini: il piano è che Vettel vinca e Leclerc arrivi secondo, la stagione è lunghissima e 21 gare sono tante».

CUORE ROSSO Alesi ha evidenziato che «la Ferrari per me è tutto, a casa Alesi la Ferrari fa parte della nostra vita e tifiamo per la rossa. Vettel ha tutto per vincere il mondiale, adesso vediamo cosa succede a Melbourne che è una pista molto particolare: capiremo più o meno subito dove sono messi ma i test a Barcellona hanno detto che per ora la macchina è più forte - ha concluso - Gli altri team? La Red Bull con la Honda credo che sarà molto competitiva, la Renault ha fatto delle belle cose con Ricciardo e poi c'è l'Alfa Romeo che ha finito bene l'ultima stagione e con Giovinazzi e Raikkonen potrà fare delle belle prestazioni. È un sogno per me vedere sia il figlio di Schumacher che mio figlio nella Ferrari Driver Academy: vederli insieme in Formula 1 sarebbe bellissimo, mi manca molto Michael e sul muretto avremmo fatto delle belle scintille di amicizia»

TUTTE LE NEWS DI FORMULA 1

Vedi tutte le news di Formula 1

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti

In edicola