Clamoroso Ferrari: incidente tra Leclerc e Vettel. Ecco cosa è successo!

Il monegasco nel sorpassare il tedesco lo tocca: i due vanno entrambi fuori con le loro monoposto danneggiate
Clamoroso Ferrari: incidente tra Leclerc e Vettel. Ecco cosa è successo!
TagsLaclercferrariBrasile

SAN PAOLO - Clamoroso colpo di scena nel finale del Gp del Brasile: al giro numero 66 contatto tra Charles Leclerc e Sebastian Vettel. Il pilota monegasco della Ferrari si tocca con il suo compagno durante un controsorpasso per la quarta posizione bucando la gomma anteriore destra. Danni anche alla posteriore destra di Vettel. Entrambe le Ferrari, visibilmente danneggiate, sono costrette al ritiro. Rottura della sospensione anteriore per Leclerc e foratura per Vettel. Un contatto che farà molto discutere in casa Ferrari.

Bufera Ferrari, la sequenza dello scontro tra Vettel e Leclerc in Brasile
Guarda la gallery
Bufera Ferrari, la sequenza dello scontro tra Vettel e Leclerc in Brasile

Bufera dopo l'incidente tra Leclerc e Vettel

Sembra abbastanza chiara la responsabilità di Vettel e l'audio che si ascolta nel team radio di Leclerc lascia spazio a pochi dubbi. Subito dopo il contatto, infatti, il monegasco con la mano ha mandato evidentemente a quel paese il compagno di squadra urlando: "Ma che cosa ha combinato?". Una volta terminata la corsa della sua Ferrari (ormai distrutta) fuori dalla lista Leclerc ha poi buttato furiosamente i pugni sul volante nel tentativo di scaricare la rabbia per l'incidente appena subito. Diverso l'atteggiamento di Vettel che, subito dopo il ritiro, è uscito dalla sua Ferrari restando a riflettere a bordopista visibilmente contrariato per l'accaduto. Intanto ai box Ferrari la faccia di Mattia Binotto era tutta un programma... 

 

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti