F1, organizzatori Gp Brasile contro Liberty Media: "Cancellazione inaccettabile"

La gara di San Paolo è stata cancellata per via della pandemia di coronavirus, ma dal paese carioca non ci stanno
F1, organizzatori Gp Brasile contro Liberty Media: "Cancellazione inaccettabile"© LaPresse
TagsF1Brasilecancellazione

ROMA - "Non possiamo accettare la motivazione dataci da Liberty Media, tanto meno il ragionamento che sta alla base. Parlano del tasso di infezione del virus in Brasile, che è un po’ come paragonare la California alla Florida in un paese come il Brasile, che è di dimensioni continentali. Abbiamo tutti i numeri a nostro favore per lo Stato e la città di San Paolo". Lo storico promoter del Gran Premio del Brasile di Formula 1 Tamas Rohony ha commentato così la decisione da parte di Liberty Media di cancellare ufficialmente l'appuntamento di Interlagos a causa della pandemia di coronavirus.

La rabbia degli organizzatori

Gli organizzatori non ci stanno e sottolineano come l'annullamento della gara di Interlagos sia basata su un ragionamento privo di fondamento e fanno un confronto diretto con le gare europee: "Questi dati sono stati presentati alla Commissione Medica della FIA dal nostro stesso ufficiale medico, che è, tra l’altro, anche il vice presidente. Le sono cifre molto buone. Se si guardano i dati di San Paolo, anche del Brasile, in base proporzionale, rispetto all’Inghilterra, la situazione è decisamente migliore. Questa cancellazione è una sorta di ragionamento privo di fondamento per annullare la gara", conclude il portavore Rohony.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti