F1, ingresso dell'Arabia Saudita nel calendario 2021: Brasile a rischio

Stando a quanto riportato dalla Bbc, ai team sarebbe stata sottoposta una bozza provvisoria in cui potrebbe fare il suo debutto l’Arabia Saudita come penultimo Gran Premio dell’anno
© LAPRESSE

ROMA - L'Arabia Saudita farà il suo debutto nel calendario della Formula 1 il prossimo anno. Una gara su un circuito cittadino a Jeddah è il penultimo evento di una bozza di calendario che è stata mostrata alle scuderie, secondo quanto riportato dalla Bbc. Jeddah ospiterà il Gran Premio dell'Arabia Saudita mentre verrà completata una nuova pista appositamente costruita a Qiddiyah, prevista per il 2023. Sarà una delle 22 gare su un programma provvisorio del 2021 in quanto la F1 prevede di tornare a un calendario il più vicino possibile alla normalità dopo l'interruzione di quest'anno.

Si parte in Austrialia, GP Brasile a rischio

La nuova stagione dovrebbe iniziare a Melbourne, in Australia, a metà marzo per poi andare in Bahrain e comprende quasi tutte le gare che si sarebbero dovute tenere quest'anno. Ciò significa un ritorno per gare come Cina, Giappone e Canada, che sono state annullate a causa delle interruzioni ai viaggi internazionali causate dal Covid-19, nonché del debutto del Gran Premio del Vietnam. La F1 ha discusso con i governi nazionali competenti e si dice che tutti siano d'accordo sul fatto che le gare possano svolgersi, per come stanno le cose. Il Gran Premio d'Olanda, che doveva tornare in programma per la prima volta dal 1985 nell'aprile di quest'anno, dovrebbe essere spostato alla fine dell'estate e potrebbe essere gemellato con la gara belga di Spa. Il Brasile, invece, per ora sarebbe il grande escluso poiché il nuovo circuito di Rio non è ancora pronto e con gli organizzatori di Interlagos mancherebbe l'accordo. Se alla fine anche il Brasile entrerà nel calendario nel 2021, il numero di gare salirà a 23.

Commenti