F1, Ecclestone: "Hamilton meritava una penalità di 30 secondi a Silverstone"

L'imprenditore britannico non le manda a dire sul contatto di Silverstone tra Hamilton e Verstappen
F1, Ecclestone: "Hamilton meritava una penalità di 30 secondi a Silverstone"© AP
TagsF1hamiltonEcclestone

ROMA - A distanza di giorni dal discusso contatto tra Lewis Hamilton e Max Verstappen, arriva l'ennesima presa di posizione dal mondo della Formula 1. Uno degli ultimi a dare un giudizio su quanto avvenuto a Silverstone è Bernie Ecclestone. L'imprenditore ed ex pilota britannico non ha dubbi: "Di chi era la colpa? Bisogna dire di Lewis. Prima avrei detto che sarebbe stato un incidente di gara. In passato lo avremmo giudicato così. Perché era chiaro che tutti stavano facendo del proprio meglio per vincere il Campionato. Ma se per i commissari è stato necessario intervenire, avrebbero dovuto dargli una penalità maggiore di 10 secondi. Sarebbero dovuti essere 30", le sue parole. 

L'analisi di Ecclestone

Ecclestone prova ad analizzare nel dettaglio l'episodio avvenuto alla fine del primo giro e che poi si è tramutato in una penalità troppo leggera a detta di molti: Lewis non era davanti quando si sono scontrati - prosegue al 'Daily Mail' -. Non era la sua curva, era quasi una macchina indietro. Quindi lo ha colpito da dietro e non davanti. Dieci secondi non era la quantità giusta da dargli. La punizione non corrisponde al crimine. Se davvero dovevi dargli una penalità, penalità di cui non c’era neanche bisogno, questa non era quella corretta. Non era sufficiente“.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti