F1, la Fia respinge il ricorso Aston Martin contro la squalifica di Vettel in Ungheria

La Fia ha riteuto "non rilevanti" le nuove prove portate dalla scuderia confermando così la squalifica dell'ex pilota Ferrari nel Gp d'Ungheria
F1, la Fia respinge il ricorso Aston Martin contro la squalifica di Vettel in Ungheria© Getty Images
2 min
Tagsformula1astonmartinvettel

ROMA - La Fia ha repinto il ricorso presentato dall'Aston Martin contro la squalifica di Sebastian Vettel nel Gp d'Ungheria. La vettura del tedesco, infatti, era stata trovata senza il quantitativo minimo di carburante per omologare il risultato; per questo motivo i commissari avevano cancellato il 2° posto ottenuto dall'ex Ferrari permettendo così a Lewis Hamilton di guadagnare una posizione e a Carlos Sainz Jr di salire sul podio. A nulla, quindi, è valso i ricorsi della scuderia con i commissari che hanno ritenuto "non rilevanti" le nuove prove, presentate a difesa del pilota quattro volte campione del mondo,  per procedere a una revisione della decisione presa al termine della gara.

Vettel rimane fuori dal Gp d'Ungheria

Rimane, quindi, la squalifica di Sebastian Vettel e della sua Aston Martin, giunti secondi al traguardo del Gp d'Ungheria ma squalificati perché la direzione gara aveva trovato 0.3 litri di benzina invece di 1 litro richiesto, una infrazione che viola l’articolo 6.6.2 del regolamento sportivo. "Sebastian ha guidato brillantemente in Ungheria e siamo lieti di aver avuto l'opportunità di mostrare nuove prove significative che abbiamo scoperto dopo la gara", sono le parole di Otmar Szafnauer, Team Principal dell'Aston Martin, riportate dal sito ufficiale della Formula 1. "Abbiamo ritenuto che le prove che abbiamo presentato fossero rilevanti e hanno dimostrato alla Fia che avrebbe dovuto essere reintegrato dopo la sua squalifica. Sfortunatamente, la Fia ha avuto una visione diversa e, nonostante il fatto che l'accuratezza delle nostre nuove prove non sia stata contestata, la squalifica di Sebastian è stata confermata sulla base del fatto che le nuove prove non sono state ritenute "rilevanti". Questo è deludente, e esamineremo ora la nostra posizione rispetto all'intero processo di appello”, ha concluso

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti