F1, Brawn: "Se Hamilton non si fosse fermato, sarebbe stato un disastro"

Il manager di Liberty Media ha parlato dopo il Gran Premio di Turchia
F1, Brawn: "Se Hamilton non si fosse fermato, sarebbe stato un disastro"© LAPRESSE
TagsF1brawnhamilton

ROMA"Ancora una volta le squadre hanno dovuto affrontare una difficile decisione tattica. In questi scenari fai affidamento al tuo giudizio, all'esperienza e alle sensazioni. Come visto nel caso di Lewis, c'è stata un'iniziale resistenza dall'abitacolo a rientrare per il pit. Quanto queste situazioni non sono nette e dal pilota ti arriva un un rinvio, è facile per un team rinunciare a quella che sente essere la decisione corretta". Queste le parole di Ross Brawn nella consueta analisi dopo il Gran Premio di Turchia, sedicesimo appuntamento stagionale della Formula 1. Il direttore generale e responsabile sportivo del progetto F1 si è soffermato sulla strategia di Lewis Hamilton, che è andato in contrasto con il team sul pit stop effettuato nella seconda parte di gara: "Il pilota è in una bolla, ha bisogno di darti informazioni ma quel che non possono vedere sono tutti i dati che alimentano il muretto. Nel caso di Lewis, se non si fosse fermato e le gomme fossero finite o se fosse tornata una leggera pioggia, sarebbe precipitato in classifica e sarebbe stato un disastro", analizza Brawn, in una sintesi del "non si possono vincere tutte le gare".

Sulla lotta Verstappen-Hamilton

Brawn ha poi parlato della lotta al titolo tra Max Verstappen e Lewis Hamilton: "Tutti sappiamo come i punti siano fondamentali a ogni passaggio della stagione, ma quando entri in questa fase, ti concentri su ogni singolo punto. Dovresti farlo per tutto l'anno ma non è la stessa cosa quando arrivi alle ultime gare, nelle quali ogni cosa è più intensa e sai che se sbagli non c'è tempo per recuperare".

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti