F1, arrivano le scuse di Piquet: "Traduzione sbagliata, non volevo offendere"

Dietrofront solo parziale sul termine razzista utilizzato per rivolgersi a Hamilton: "Ne***tto sinonimo colloquiale di ragazzo"
F1, arrivano le scuse di Piquet: "Traduzione sbagliata, non volevo offendere"© LAPRESSE
2 min
TagsF1Piquethamilton

ROMA - "Vorrei fare chiarezza sugli articoli che stanno circolando sui media circa un commento da me fatto in un'intervista dell'anno scorso. Ciò che ho detto è stato irragionevole e non ho scusanti, ma vorrei chiarire che il termine che ho utilizzato è sempre stato ampiamente utilizzato in maniera colloquiale nel portoghese-brasiliano come sinonimo per ragazzo o persona e non è mai stato mia intenzione offenderlo". Sono queste le scuse che Nelson Piquet porge a Lewis Hamilton dopo le polemiche montate nelle scorse ore per la parola offensiva usata dal brasiliano per riferirsi al pilota Mercedes.

Le parole di Piquet

Insomma, il dilemma è sempre lo stesso: è offensiva la parola in sé oppure l'uso che se ne fa? Prosegue l'ex pilota brasiliano: "Non utilizzerei mai la parola che alcune traduzioni riportano. Condanno fortemente qualsiasi sospetto che io abbia utilizzato quel termine con l'intenzione di denigrare un pilota a causa del colore della sua pelle. Chiedo scusa con tutto il cuore a chiunque che si sia sentito offeso, incluso Lewis, che è un incredibile pilota. La traduzione che sta circolando sui media non è affatto corretta. Non c'è posto nella Formula 1 o nella società per la discriminazione e sono lieto di riuscire a chiarire il mio pensiero con il massimo rispetto", conclude Piquet.


Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti