F1, Zhou salvato dall'Halo: tutte le volte in cui il dispositivo ha protetto un pilota

Il rookie cinese dell'Alfa Romeo è solo l'ultimo dei piloti salvati dal nuovo dispositivo: da Charles Leclerc a Lewis Hamilton, ecco le volte in cui l'Halo è stato decisivo
F1, Zhou salvato dall'Halo: tutte le volte in cui il dispositivo ha protetto un pilota© EPA
2 min
TagsF1zhouhalo

ROMA - L'incidente di Guanyu Zhou a Silverstone, che ha tenuto il mondo della Formula 1 con il fiato sospeso per diversi minuti avrebbe potuto avere conseguenze ben più gravi. Fortuna? No, nel Circus non esiste. Tanto studio e tecnologia piuttosto. Elementi che nel 2018 hanno portato all'introduzione obbligatoria dell'Halo sulle monoposto. E sono tanti i piloti che devono ringraziare la protezione circolare attorno alle proprie teste.

Sicurezza ed efficacia

E pensare che all'inizio in tanti ostacolavano l'avvento dell'Halo. Antiestetico, ingombrante, addirittura non sicuro, dicevano. Gli scettici si sono infatti dovuti ricredere presto, quando a Charles Leclerc, nel 2018 in Sauber, è piovuta addosso la McLaren di Fernando Alonso. Se non ci fosse stato l'Halo, Leclerc probabilmente non sarebbe uscito illeso da quel terribile incidente. Anche Romain Grosjean deve ringraziare la protezione; nell'ultima gara della stagione 2020, infatti, l'Halo fu decisivo nell'allargare le lamiere del guardrail, che avrebbero altrimenti inghiottito la testa del francese. Fino ad arrivare all'episodio di Monza dell'anno scorso tra Lewis Hamilton e Max Verstappen, con la Red Bull dell'olandese che plana sulla Mercedes del britannico: anche qui Halo decisivo. Un'invenzione, quella della protezione per la testa dei piloti che, ancora una volta, si è rivelata decisiva anche a Silverstone, salvando la vita del giovane pilota cinese.

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti