F1, Verstappen: "Non tocca a me cacciare i tifosi aggressivi dalle tribune"

Il campione del mondo prova a spiegare gli episodi di violenza che si sono registrati in Austria: "Tutto dipende da come siamo stati educati"
F1, Verstappen: "Non tocca a me cacciare i tifosi aggressivi dalle tribune"© Getty Images
2 min
TagsF1verstappenredbull

ROMA - "È assolutamente inaccettabile ciò che è successo. Purtroppo c'è gente che si lascia andare, magari beve troppo, e in questi casi si fanno cose stupide. Bisogna intervenire con controlli più severi". Così, in un'intervista per "Ap", Max Verstappen, che parla così degli episodi di violenza che si sono registrati al Red Bull Ring. Alcuni tifosi hanno infatti infastidito delle ragazze e la polemica per questi atteggiamenti ha posto l'accento sulla condotta dei tifosi della Formula 1. "Penso che debba dipendere anche dall'organizzazione della F1, io non ho il controllo di quello che combinano i fan. E comunque non è solo un caso dell'Austria", aggiunge il pilota con il numero 1 in pista.

Educazione e controlli

Verstappen poi cerca di trovare delle soluzioni a questi episodi: "Se ci sono molti addetti alla sicurezza, questo potrebbe influenzarli. Alla fine tutto si riduce sempre all'istruzione fin dalla più giovane età, dove sei cresciuto, dove sei andato a scuola. Questo è qualcosa iniziato da quando erano giovani, pensano che sia giusto comportarsi così. Escluderli dalle gare è un provvedimento forte e sono pienamente d'accordo. Ma siamo sicuri che questo li cambierà? Probabilmente no. Alcune persone semplicemente non pensano, o semplicemente fanno quello che vogliono", ha concluso l'olandese della Red Bull, impegnato nel Gran Premio di Ungheria questo weekend.


Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti