Gp Italia, la Fia spiega: "Ecco perché la gara si è conclusa sotto Safety Car"

Attraverso un portavoce, la Fia ha fatto chiarezza in merito alle decisioni prese nel finale del Gran Premio di Monza
Gp Italia, la Fia spiega: "Ecco perché la gara si è conclusa sotto Safety Car"© Getty Images
2 min
TagsF1Monzafia

MONZA - In seguito alle polemiche sollevate dal finale del Gran Premio d'Italia, sedicesimo appuntamento del mondiale di F1, la Fia ha fornito la sua versione attraverso un portavoce. In particolare, è stata criticata la gestione della Safety Car, entrata in pista a pochi giri dalla fine per il problema alla McLaren di Daniel Ricciardo, parcheggiata in pista. Le operazioni di rimozione della monoposto sono infatti andate per le lunghe e la gara si è concluso in maniera "anormale", ovvero sotto il regime di Safety Car.

La risposta della Fia

"La gara si è conclusa sotto Safety Car, come previsto dalle procedure concordate tra Fia e tutti i team per due motivi: innanzitutto, la nostra priorità è che l'operazione di recupero si svolga in totale sicurezza; inoltre, l'incidente non era sufficientemente significativo da richiedere la bandiera rossa. La durata della Safety Car non c'entra nulla con la procedura" spiega la Fia. Infine, il portavoce ha spiegato: "Sono stati fatti tutti gli sforzi possibili per riprendere la gara, ma i commissari non sono riusciti a spingere la vettura nella strada di fuga".


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti