Formula 1, un giorno di show alle spalle di Verstappen

.
Formula 1, un giorno di show alle spalle di Verstappen© Getty Images
3 min
Mauro Coppini
TagsverstappenGP abu dhabi
Fino all’ultimo respiro. Ad Abu Dhabi la Formula 1 si ritrova protagonista nel film di Jean-Luc Godard. Perfettamente a suo agio in quella Nouvelle Vague della quale il regista francese è stato uno dei principali esponenti. In questo caso però è la rivoluzione regolamentare a mutare lo stile di vita dei Gran Premi. Con la spettacolarità dell’evento ad avere la meglio sui contenuti tecnici. Un cammino appena iniziato ma la cui strada è già tracciata. In questo senso Il dominio di Max Verstappen è solo un incidente di percorso che non dovrà ripetersi. Perché lo spettacolo non prevede prime donne. 

 F1, GP Abu Dhabi: vince Verstappen, Leclerc secondo

Al contrario tutti i partecipanti devono avere diritto alla loro fetta di torta. In questo senso il Gran Premio di Abu Dhabi può essere considerato un primo passo verso una Formula 1 che considera l’imprevedibilità come il bene più prezioso e l’uomo indiscusso padrone della macchina. Protagonista condannato alla solitudine. Sottratto a tutte quelle influenze tecniche ed economiche che ne condizionano i risultati. Ad Abu Dhabi ha vinto Max Verstappen ma è dietro di lui che lo spettacolo ha fatto scintille. Con tutti i partecipanti o quasi, in grado di assicurarsi la loro parte in commedia. Frutto di una normalizzazione destinata ad accentuarsi ulteriormente. 
Roberto Carlos impazzisce per Sainz, Alonso e Verstappen al GP del Brasile!
Guarda la gallery
Roberto Carlos impazzisce per Sainz, Alonso e Verstappen al GP del Brasile!
Tutto bene, quindi? Non proprio perché gli obiettivi spettacolari non modificheranno la Formula 1. Semplicemente ne calpesteranno l’anima. Con i costruttori destinati a fare un passo indietro per rinunciare a quella complessità che nessun regolamento è stata in grado di governare e la cui sofisticazione qualche volta è impermeabile anche ai progettisti che la hanno generata. Un esempio: la monoposto della Mercedes. Così avanti da andare in dietro. In questo senso è la Formula 1 stessa ad aver decretato la sua fine. E alla fine nei box ci saranno sempre meno meccanici e ingegneri e sempre più attori e campioni sportivi ad attirare l’attenzione di un pubblico crescente perché più curioso che appassionato. 
F1, Abu Dhabi: la pole è di Verstappen, Ferrari in seconda fila
Guarda il video
F1, Abu Dhabi: la pole è di Verstappen, Ferrari in seconda fila

Clicca qui per non perderti tutte le news ed i pronostici di Formula 1

Commenti