IN Roma

IN Roma

Vedi Tutte
IN Roma

Ultimo fine settimana di concerti a Rock In Roma

Ultimo fine settimana di concerti a Rock In Roma

La rassegna musicale si conclude con due grandi serate "alternative": sul palco I Ministri e Mezzosangue

Sullo stesso argomento

 

venerdì 29 luglio 2016 16:31

La manifestazione Postepay Sound Rock in Roma dopo aver regalato splendide serate all’insegna della grande musica. Ad animare le ultime due serate saranno i Ministri stasera, e Mezzosangue domani, entrambi nell’ambito del progetto musicale indipendente “The Italian Way” che ha ospitato concerti live degli artisti più rappresentativi del momento nello scenario della musica italiana.

La caratteristica principale di un concerto dei Ministri è l’energia che il trio sprigiona sul palco, e stasera fanno tappa a Roma presentando il loro ultimo album “Cultura Generale”. Ad aprire il concerto saranno i Selton, gruppo folk rock brasiliano, ora residente a Milano. I Ministri, formatisi a Milano nel 2003, sono tra le rock band alternative più seguite ed apprezzate, non solo in Italia. Da qualche settimana hanno pubblicato il video del singolo “Io sono fatto di neve”, una ballata lontana dalle loro classiche sonorità che parla di debolezza e della difficoltà di farsi amare. Una clip che ritrae la vita dentro l’Ex Moi, un’esperienza di occupazione che dura da tre anni nei palazzi fatiscenti del villaggio olimpico costruito a Torino per le Olimpiadi del 2006 e poi abbandonato.

Per l’ultima serata salirà sul palco Mezzosangue, considerato il nuovo diamante del rap “Made in Italy” che conta numeri da record sul web: oltre 1 milione di visualizzazioni per ogni videoclip ufficiale, più di 100.000 free-download per l’album “Soul of Supertramp”. Mezzosangue, all’anagrafe Luca Ferrazzi, si è presentato sulla scena nel 2012 con un video su YouTube, con il quale partecipava al “Capitan Futuro Rap Contest”. Il rapper nel video indossava un passamontagna, divenuto poi il suo simbolo di riconoscimento: chi ci sia sotto il passamontagna nero, da cui s’intravede appena lo sguardo fulgido e le labbra che masticano l’accento romano, poco importa. Contano il valore del messaggio e la sostanza di ciò che canta, mettendo al bando ogni pericolosa distrazione data dall’apparenza.

 

Articoli correlati

Commenti