IN Roma

IN Roma

Vedi Tutte
IN Roma

La salute in pausa pranzo

La salute in pausa pranzo

Il break degli italiani ormai specchio di una nuova coscienza alimentare

Sullo stesso argomento

 

lunedì 7 novembre 2016 12:55

Fast food, pizza al taglio e tramezzini? Ebbene sono sempre di più gli italiani che rinunciano alla pausa pranzo mordi e fuggi in favore di un pasto più leggero e salutare. È quanto emerge dall’ottava edizione di Barometro Food, l’indagine condotta in otto Paesi in collaborazione con Food, consorzio pubblico-privato europeo coordinato da Edenred, creatore dei ticket restaurant. Lo scopo è quello di sensibilizzare dipendenti e ristoratori sui vantaggi di una dieta salutare e bilanciata. Secondo l’indagine, che ha coinvolto circa 11.000 lavoratori e 2.000 ristoratori, quasi il 50% dei lavoratori si dichiara attento a consumare pranzi equilibrati e il 40% dei ristoratori ha visto crescere la richiesta di cibi più bilanciati e sani. 

In Italia, in particolare, il 77% degli intervistati è interessato a consumare per lo più cibo stagionale e a Km0. Da non sottovalutare l’esigenza da parte dei lavoratori di veder distribuita in ufficio frutta fresca gratuitamente o di ottenere agevolazioni e offerte per praticare attività fisica in palestra. L’edizione 2016 dell’indagine mostra senz’altro che qualcosa sta cambiando. Anzi, qualcosa è già cambiato. In Italia, il Paese della dieta mediterranea, la popolarità degli snack salati e zuccherati scende in picchiata con un lavoratore su due che rinuncia a spezzare la fame con gli snack confezionati, privilegiando la frutta. Per quanto riguarda i ristoratori, Edenred ha lanciato anche #myidealrestaurant, un concorso che coinvolge i ristoranti di 42 Paesi in cui sono diffusi i buoni pasto e che ha eletto i locali che offrono i menu più salutari del network. Tra i vincitori, anche un ristorante italiano, L’Ancora di Messina, primo nella categoria “Informazione ai consumatori” e “Pratiche ambientali”.

Articoli correlati

Commenti