IN Roma

IN Roma

Vedi Tutte
IN Roma

Andrea Morricone in Piano-Forte all'Auditorium

Andrea Morricone in Piano-Forte all'Auditorium

Sabato 12 novembre il pianista e compositore interpreta alcuni dei suoi brani e altri del padre, Ennio, diventate pietre miliari della storia del cinema

Sullo stesso argomento

 

martedì 8 novembre 2016 16:26

Sabato 12 novembre la Sala Petrassi dell’Auditorium Parco della Musica ospita il pianoforte di Andrea Morricone e il suo Piano-Forte. Pianista, compositore e direttore d’orchestra, Andrea Morricone propone l’esecuzione di alcuni dei suoi brani e di altri del padre, Ennio Moricone, pietre miliari della storia del cinema. Da “C’era una Volta il West” a “La Leggenda del Pianista sull’Oceano”. «L’inserimento dei brani di mio padre nel programma del concerto, non solo per me è un atto d’amore verso la sua musica ma anche il naturale bisogno di suonarla, così come la sento, così come le strati?cazioni di anni e anni mi hanno portato a viverla dentro ed elaborarla emotivamente». 

Gran parte dei brani di Andrea sono basati su una concezione dell’armonia dilatata con chiari riferimenti alla musica Jazz – Blues. Alcuni brani sono stati composti appositamente per il concerto e pensati come reazione positiva che la musica deve esemplificare come lotta come ogni forma di violenza, sia fisica che psicologica che affligge la quotidianità. La caratteristica dei brani di Andrea Morricone è il loro clima intimo e la profonda espressività. «Benché la genesi di questi brani risalga a fasi di tempo fra loro molto distanti, c’è un denominatore comune che ho tenuto presente per selezionarli, anche in prospettiva della loro fase esecutiva. Al primo posto, il concetto di Tema come nucleo di ogni composizione musicale capace di convogliare sentimenti ed emozioni. In secondo luogo, voglio dissertare un poco sul concetto di esecuzione di un brano pianistico che è sempre ad un bivio: percorrere la strada dell’estemporaneità o volersi riferire ad un modello ideale di performance più costante, calma, ordinata, ma non per questo fredda o asettica».

Articoli correlati

Commenti