IN Roma

IN Roma

Vedi Tutte
IN Roma

Musica e letteratura: ecco il weekend del Riverside

Musica e letteratura: ecco il weekend del Riverside

Il nuovo tempio del live nella Capitale porta sul palco il 1° aprile Ricky Anelli, con l'ultimo album "Usa bene le parole", e Roby Matano con "A Robè", un libro sugli esordi dell'amico Lucio Battisti

Sullo stesso argomento

 

mercoledì 29 marzo 2017 12:31

Da qualche mese Roma ha un nuovo tempio della musica nel cuore di Piazza Sempione. Un locale raffinato e accogliente in grado di coniugare al meglio la passione per il mangiare e bere bene accompagnati dalle note dei migliori musicisti del panorama nazionale e internazionale. Insomma un progetto a dir poco ambizioso quello del Riverside che nel mese ormai agli sgoccioli ha proposto una programmazione trasversale che ha spaziato dal Jazz, al rhythm & blues  allo Swing, per arrivare fino al Pop-Folk. La grande chiusura del mese di marzo è affidata alla TAC BAND L’Evidenza dell’Autore che ricorda il Maestro Franco Califano a quattro anni dalla sua scomparsa (giovedì 30 marzo) e poi a Francesco Lucarelli con il nuovo album “Find & Light” (venerdì 31 marzo). 

Marzo finisce col botto ma aprile inizia ancora meglio. Infatti il 1° aprile sul palco del Riverside arriva Ricky Anelli con l’ultimo album “Usa bene le parole” a distanza di tre anni dall’esordio di “Considerazioni Notturne”, di cui due tracce sono state premiate (Premio Repubblica.it con “Svuota Tutto” e Premio Lauzi 2014 e targa SIAE con “Una mattina che Vale”). «Avere cura delle parole, da sempre l'arma più potente, è la mia riflessione – racconta l’artista-. Questo lavoro racchiude cervello, cuore, chitarre e illustrazioni. L'arte è tutta la mia vita ed estenderla a chi mi ascolta gratifica il lavoro in maniera libera e indipendente».

A impreziosire ancor di più la serata la leggenda della storia della musica leggera italiana, Roby Matano che nei primi anni Sessanta si occupa della carriera di un giovane cantautore alle prime armi da cui nasce anche una profonda amicizia. Quel ragazzo era Lucio Battisti che era solito chiamare il suo amico “A Robè” che oggi è diventato il titolo del suo nuovo libro, un libro che racconta i primi anni di Lucio Battisti: le difficoltà, i viaggi, le canzone ascoltate e quelle scritte. Un libro che sarà presentato per la prima volta sabato sera al Riverside con l’accompagnamento delle percussioni di Francesco Matano, figlio dell’autore. 

Articoli correlati

Commenti