La vita secondo John Cusack al Teatro Trastevere

Lo spettacolo di Paola Moretti e diretto da Pietro Dattola andrà in scena da domani al 10 febbraio

Un lavoro sofisticato, decisamente sui generis ma che promette di catturare lo spettatore. Da domani fino a domenica 10 febbraio sarà possibile assistere alla pièce di Paola Moretti La vita secondo John Cusack, diretta da Pietro Dattola, al Teatro Trastevere.

Spettacolo scritto in collaborazione con lo stesso regista, vede tra i protagonisti che si alternano sul palco Flavia Germana De Lipsis, Natalìa Magni e Leonardo Santini.  La vicenda racconta la storia, in apparenza molto naturale, di una madre e una figlia: queste figure però, una volta entrate nel vivo dell’opera, rappresentano in realtà metafore ideologiche di una determinata condizione esistenziale. Metafore le quali, molte volte, siamo obbligati a vivere e che, nella maggior parte dei casi, ci fanno sviluppare una resistenza forzata e malata. In questa realtà condizionata, spesso la sofferenza è zona franca, terra familiare e consolatoria e quindi anche ben protetta: appare così naturale che qualcosa debba accadere, un avvenimento deflagrante che, come una bomba, sconvolgerà i sottilissimi equilibri di relazione tra i vari personaggi. Questo elemento di rottura è rappresentato da John Cusack, o perlomeno, da qualcuno che gli somiglia. Sarà il suo modo diverso di affrontare la vita, e i problemi quotidiani, che sconvolgeranno le vite dei protagonisti.

Commenti