IN Roma

Cinema

Vedi Tutte
Cinema

L'Isola del Cinema chiude con l'Australia

L'Isola del Cinema chiude con l'Australia

Gli ultimi appuntamenti con la rassegna romana di cinema all'aperto: 1, 2 e 3 settembre protagonista il nuovissimo continente

Sullo stesso argomento

 

mercoledì 31 agosto 2016 15:13

Volge al termine, per quest’anno, la sezione storica Isola Mondo de L’Isola del Cinema, realizzata in collaborazione con le Ambasciate e gli Istituti di Cultura, con tre giorni dedicati al Nuovissimo Continente. La manifestazione giunta alla sua 22esima edizione, che si svolge nella location suggestiva dell’Isola Tiberina, si conferma ogni estate arena di incontro di ben 6 milioni di spettatori, e l’obiettivo, da sempre, è quello di dare visibilità al cinema in ogni sua forma: dalle opere di registi emergenti ai documentari che freezano su pellicola la realtà odierna della società, dal cinema indipendente sino alle grandi produzioni internazionali.

Dal 1 al 3 settembre l’Arena e il Renault Lounge accoglieranno tre pellicole che hanno contribuito ognuna e in modo significativo alla diffusione della cultura australiana in forma cinematografica. The Water Diviner diretto da Russel Crowe è il film presentato il 1 settembre alle ore 21 in Arena Groupama nella versione originale e sottotitolata. La storia si svolge quattro anni dopo la devastante battaglia turca di Gallipoli, in Turchia, durante la Prima Guerra Mondiale. La pellicola mostra lo stesso Crowe che veste i panni di un contadino dell’Australia alle prese con un lungo viaggio, destinazione Turchia, alla ricerca della verità che si cela dietro la sparizione in battaglia dei suoi tre figli. 

In anteprima nazionale verrà proiettato, il 2 settembre alle 21.30 presso il Renault Lounge, l’innovativo Spear: diretto da Stephen Page, che porta sul maxischermo una storia aborigena contemporanea attraverso la danza e i movimenti che caratterizzano questa affascinante e lontana cultura.

E ancora un’anteprima nazionale per l’ultimo degli appuntamenti: il 3 settembre, alle 21.30 in Arena, sarà la volta di The Last Cab to Darwin di Jeremy Sims. Protagonista è un anziano tassista, deciso a ricorrere all’eutanasia dopo esser venuto a conoscenza di essere affetto da una grave malattia. Nel corso di un viaggio verso Darwin e in seguito all’incontro con particolari personaggi arriverà a fare importanti riflessioni sul valore e il senso profondo della vita.

Articoli correlati

Commenti