IN Roma

Cinema

Vedi Tutte
Cinema

"On The Milky Road": Kusturica e la Bellucci tra amore e guerra

"On The Milky Road": Kusturica e la Bellucci tra amore e guerra
© ANSA

L'11 maggio arriva nelle sale l'ultimo film del regista di Sarajevo

Sullo stesso argomento

di Mattia Rotondi

mercoledì 10 maggio 2017 10:15

ROMA - Chiassoso, caotico, energico. Vivo, poetico. On The Milky Road, il film di Emir Kusturica con Monica Bellucci che esce l'11 maggio nelle sale italiane, è un lavoro profondamente kusturicano: pieno delle contraddizioni, dei paradossi e del fascino che hanno sempre caratterizzato il suo cinema. 

"On The Milky Road": Kusturica e la Bellucci tra amore e guerra

LA TRAMA - Primavera durante la Guerra in Jugoslavia. Ogni giorno un uomo trasporta il latte e attraversa il fronte a dorso di un asino, schivando pallottole, per portare la sua preziosa mercanzia ai soldati. Benedetto dalla fortuna nella sua missione, amato da una giovane donna del paese, tutto lascia pensare che un futuro di pace lo stia aspettando… fino a che l’arrivo di una misteriosa donna italiana sconvolgerà la sua vita completamente. Inizia così una storia di passione, di amore proibito, che farà precipitare i due protagonisti in una serie di fantastiche e pericolose avventure. Si sono uniti per caso e niente e nessuno sembra in grado di fermarli.

NON A SENSO UNICO - Dentro a questo film c'è la guerra, l'aspettativa che crea la pace, la bellezza della natura, l'amore. Ma c'è anche il sacrificio degli innocenti e la difficoltà di ritrovare la normalità (anche a causa di interferenze esterne) dopo l'incubo. C'è il comico e il surreale. Si balla sui trascinanti ritmi balcanici e si piange per le morti improvvise. La Milky Road non porta il film verso una direzione univoca, ma permette a Kusturica di abbracciare diversi temi e generi fino al potente finale, esteticamente bellissimo. 

ATTORI - Da sottolineare, oltre alla presenza del regista nel ruolo del protagonista, la prova controllata della Bellucci e quella scatenata dell'altra figura femminile di spicco, Sloboda Micalovic. 

Articoli correlati

Commenti