La storia - e le storie - della Juventus, e tre libri dedicati ai lettori più giovani

Da quella panchina di Corso Re Umberto ai nove scudetti di fila, la storia della Juventus: grandi campioni, grandi presidenti, grandi vittorie. E poi tre libri per i lettori più giovani: gli stadi più belli d'Europa e il confronto tra grandissimi del calcio: Ronaldo contro Messi e Pelè contro Maradona
La storia - e le storie - della Juventus, e tre libri dedicati ai lettori più giovani
Massimo Grilli

Tutto è sovradimensionato nella storia della Juventus, tutto non ha eguali in Italia. Il numero di scudetti vinti ma anche di finali europee perse, il numero di tifosi a favore ma anche contro, pure l’arrivo di Cristiano Ronaldo (per non parlare degli assi stranieri che lo hanno preceduto, da Orsi a Charles a Platini) è da record. Tutto questo, ma anche molto di più, lo si può trovare in questo bel libro molto bianconero (come dimostra orgogliosamente l’indicazione del numero di campionati italiani vinti, 38 “sul campo”), quattrocento pagine che compongono una esauriente e interessante enciclopedia juventina. Si parte naturalmente da quella panchina di Corso Re Umberto, quando tredici (o forse erano 14) ragazzi della buona borghesia torinese decisero in un giorno di novembre del 1897 di creare una squadra di calcio, per arrivare infine ai nove scudetti di fila (un altro primato, questo davvero incredibile) conquistati dall’ultimo degli Agnelli al timone della società. Un secolo abbondante di trionfi, di grandi protagonisti e di cicli vincenti, ma anche di tragedie e di cadute (come il buco nero di Calciopoli, qui ribattezzato FarsolopoIi, che costò alla Juventus una stagione in serie B), una saga emozionante di fascino e potere, capace storicamente di andare al di là anche delle semplificazioni politiche (“pretendi di fare la rivoluzione senza sapere i risultati della Juve?”, ammoniva un certo Palmiro Togliatti) che racconta anche l’evoluzione del calcio italiano, ai cui successi in azzurro hanno partecipato tanti bianconeri. Ad impreziosire il tutto, curiosità, focus sui protagonisti, le illustrazioni di Osvaldo Casanova, una intervista a Dino Zoff sulla “juventinità” e la divertente prefazione di Sandro Veronesi, che spiega come è nata la sua vocazione bianconera.
JUVENTUS FC 1897, LE STORIE; di Massimo Bocchiola, Andrea De Benedetti, Corrado Del Bò e Davide Ferrari, edizioni Hoepli, 407 pagine, 29,90 euro.

L’editoria sportiva si sta sempre più interessando ai piccoli lettori, le pubblicazioni per ragazzi si stanno moltiplicando. Ecco un paio di esempi. Cominciamo con il Touring Club Italiano, tradizionalmente garanzia di
accuratezza nei testi e bellezza delle immagini. Forse per la prima volta ha aperto allo sport con un bel libro - di grande formato con tante foto e curiosità - dedicato agli stadi più prestigiosi e rappresentativi d’Europa, con la convinzione che “sapranno parlarvi del luogo in cui vi trovate meglio di qualsiasi guida turistica”. Si parte da San Siro, dal teatro calcistico delle imprese di Inter e Milan, passando poi per Roma, Torino, Genova, Napoli, Bologna, Bari, ciascuno con la propria storia, i propri eroi e le partite immortali. E poi si passa a Londra, la capitale del calcio con le sue tante squadre nella massima serie, Liverpool con la magia di Anfield, Parigi, Barcellona, Madrid, fino ad arrivare allo stadio più caro, il Krestovsy di San Pietroburgo (si parla di miliardi di rubli spesi) con il suo tragico carico di morti sul lavoro (ben 8). Un singolare giro turistico d’Europa attraverso i suo templi calcistici, a caccia di emozioni.
Nel campo dei libri per ragazzi, un posto particolare lo merita ormai Luigi Garlando, ottimo collega della Gazzetta dello Sport, che si è costruito un nutrito seguito di giovani lettori con la saga di “Gol”. Questa volta ha messo in scena un confronto - movimentato dalle illustrazioni di Mattia Salvaneschi - tra campionissimi del calcio (Ronaldo contro Messi e Pelè contro il povero Maradona, i primi due volumi della serie), con la storia, i record, le curiosità e le prodezze dei due giocatori, sottoposti al vaglio di una giuria formata proprio dalle Cipolline, le protagonista di “Gol” (con la possibilità però fornita ai lettori di intervenire con il proprio giudizio, e magari rovesciare il verdetto della giuria). Un modo divertente e istruttivo anche questo per far conoscere la storia del calcio (pensiamo soprattutto alla sfida tra la Perla Nera e il Pibe de Oro) alle nuove generazioni, i cui esponenti sono troppo giovani per avere visto dal vivo o in televisione certi fenomeni del pallone.
GLI STADI PIU’ BELLI e i luoghi del calcio in Europa; di Lorenzo Vendemiale, illustrazioni di Massimiliano Aurelio; edizioni Touring Club Italiano, 80 pagine, 19,50 euro.
CHAMPIONS, Messi vs Cristiano Ronaldo e Pelè vs Maradona; di Luigi Garlando, edizioni Piemme il Battello a Vapore, ciascun libro 100 pagine, 11,90 euro.

Commenti