Corriere dello Sport

Moto3

Vedi Tutte
Moto3

Moto3, primo podio per Migno: «Domenica indimenticabile»

Moto3, primo podio per Migno: «Domenica indimenticabile»
© Getty Images

Weekend più che positivo ad Assen per lo Sky Racing Team VR46, con Fenati quarto e Bulega settimo

Sullo stesso argomento

 

lunedì 27 giugno 2016 13:47

ASSEN - «E' stata una gran gara: ricca di sorpassi dalla prima all'ultima curva. Ho lottato sempre con i primi, ho cercato di chiudere tutte le porte all'ultimo giro, ma con il gioco delle scie sono rimasto ai piedi del podio sul traguardo. Sono soddisfatto del weekend e non vedo l'ora di tornare in pista al Sachsenring». Romano Fenati commenta così il quarto posto conquistato ad Assen dopo una grande gara. Un weekend da incorniciare per lo Sky Racing Team VR46 che si è chiuso con il podio di Andrea Migno, il suo primo in carriera. Settimo, all'esordio sulla tecnica pista olandese, Nicolò Bulega, in lotta con i più forti fino a due giri dal traguardo.

GIOIA MIGNO - «E' stata una domenica indimenticabile: una lotta continua per tutti i 22 giri di gara. - ha commentato Migno - Un bel gruppo di piloti, tantissimi sorpassi e un bellissimo finale. Da Jerez ad oggi siamo cresciuti davvero tanto, abbiamo lavorato sodo e questo podio è per tutto il team e la VR46 Riders Academy che mi ha supportato in questo percorso. All'ultimo giro ho dato tutto: vedevo la vittoria a portata di mano, all'ultima chicane mi sono allargato e sono finito fuori dal tracciato. Mi hanno penalizzato di una posizione, ma poco importa: le regole sono regole e questo terzo posto è incredibile».

BELLA LOTTA - «C'è stata una grandissima bagarre per tutta la gara: continui sorpassi e un ritmo davvero altissimo. - il racconto di Bulega - Rispetto agli altri perdevo qualcosa in velocità, ma sono riuscito a rimanere nel gruppo di testa fino alla bandiera a scacchi. Negli ultimi giri, qualche sorpasso troppo aggressivo e dei contatti di gara con alcuni piloti mi hanno fatto perdere la scia dei primi, ma nel complesso è stata una bella lotta».


Articoli correlati

Commenti