MotoGp: Rossi cambia il capo meccanico. Dal 2020 c'è Munoz
© AP
MotoGp
0

MotoGp: Rossi cambia il capo meccanico. Dal 2020 c'è Munoz

Il pilota della Yamaha, nella conferenza stampa del Gp di Thailandia, ha annunciato la separazione da Silvano Galbusera, con cui collaborava dal 2014

BURIRAM - Le strade tra Valentino Rossi e Silvano Galbusera, capo meccanico del Dottore dal 2014, si separano. Al suo posto, nel 2020, arriverà David Munoz, che lo scorso anno ha vinto il titolo della Moto2 con Pecco Bagnaia e quest'anno segue Niccolo' Bulega nello Sky Racing team in Moto2. Lo ha annunciato lo stesso pilota di Tavullia nel corso della conferenza stampa di presentazione del Gp di Thailandia, in programma nel prossimo week end. "L'anno prossimo cambierò il mio capo meccanico. Dopo la gara di Misano abbiamo parlato con Silvano (Galbusera, ndr) perché volevamo provare a fare qualcosa per essere più forti - ha spiegato Rossi - Silvano vuole continuare a lavorare con la Yamaha ma per qualcosa che gli porti meno stress e che lo faccia stare meno giorni fuori dall'Italia. All'inizio non me l'aspettavo, ma abbiamo deciso parlandone insieme".

Moto GP, per Rossi la Yamaha ha avuto un problema di gomme

Ecco Munoz

Quind, Rossi ha annunciato la novità: "Il nuovo capo meccanico sarà David Munoz - ha rivelavto - viene dalla Moto2, l'anno scorso ha lavorato con Bagnaia, quest'anno con Bulega. Lui non ha esperienza in MotoGp, ma ha molte idee" ha detto Rossi. "Insieme a Silvano e alla Yamaha abbiamo capito come migliorare e David è il primo nome che mi è venuto in mente. Mi piace come ha gestito il finale di stagione dello scorso anno con Pecco, parla poco ma sa gestire bene le situazioni".

Futuro incerto 

Poi Rossi ha accennato alle sue intenzioni in vista del 2021, dato che alla fine della prossima stagione scadrà il suo contratto con la Yamaha: "Il mio futuro? Molto dipenderà dai risultati della prossima stagione".  Su Marquez, che potrebbe conquistare il suo ottavo tivolo domenica, ha invece sostenuto: "Marc è alla sua miglior stagione in MotoGp insieme al 2014. Ora è nel momento della sua carriera in cui, pur essendo molto giovane ha molta esperienza, ed è cresciuto anche il feeling con la moto. In questa stagione ha sfiorato la perfezione". 

 

Tutte le notizie di MotoGp

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti