GP Austria, Valentino Rossi: "Dobbiamo lottare per il podio"

Il Dottore, nonostante sia consapevole che la Yamaha non si esprima al meglio sul circuito della Stiria, non rinuncia al sogno di lottare per le prime posizioni

© Getty Images

SPIELBERG - "Questa pista non va bene per la Yamaha, la velocità di punta non è un nostro punto di forza. Come nel 2019, però, dobbiamo cercare di essere forti e di lottare ancora per il podio”. Valentino Rossi si esprime così in merito al Gran Premio d’Austria di MotoGP, in programma domenica prossima al Red Bull Ring.

Tanti fattori

Il Dottore analizza un weekend che potrebbe presentare molte varianti: “Ovviamente andrà considerato anche il meteo che potrebbe dire la sua, può cambiare molto dalla mattina al pomeriggio. Spero comunque in una gara asciutta e che ci siano tutte le condizioni di sicurezza". Il quinto posto di domenica scorsa a Brno non ha soddisfatto in toto Vale: "A Brno ho commesso errori il sabato in qualifica e sono partito dalla quarta fila. Il passo c'era. Ora ho una bella sensazione sulla moto, anche in gara posso spingere come voglio. Sono riuscito a recuperare posizioni, ho guidato bene in condizioni difficili. Ma dobbiamo invece migliorare il sabato".

Mondiale e Misano

Il numero 46 della Yamaha si è detto felice della possibilità che a Misano ci sarà il pubblico sebbene a numero ridotto: "Non è possibile immaginare Misano senza i fan. Sappiamo che chi vive lì intorno è già pronto da tempo. Con diecimila persone al giorno ce la potranno fare, di certo non sarà tutto pieno ma l'atmosfera è molto migliore rispetto a non avere i fan".

Mentre sulla lotta per la vittoria di questo Mondiale davvero incerto, il Dottore non prende posizione: "Il campionato è molto aperto per tanti piloti. Non solo perché ci sono delle difficoltà per Dovizioso e per l'infortunio di Marquez, ma anche perché i risultati sono tanto legati alle gomme. I primi dodici piloti sono molto vicini, un weekend può cambiare dalla mattina al pomeriggio, tutto è possibile e può essere divertente", conclude Rossi.

Da non perdere





Commenti