Petrucci punta la Dakar: "Piloti molto capaci, gara da approcciare con attenzione"

Dopo l'addio alla MotoGp, il pilota romano vola in Arabia Saudita per partecipare al rally: "Devo tenere d'occhio anche la mia caviglia infortunata"
Petrucci punta la Dakar: "Piloti molto capaci, gara da approcciare con attenzione"© Getty Images Getty Images Getty Images
TagsMotogpPetruccidakar

ROMA - Niente pausa per Danilo Petrucci. Dopo i titoli di coda scesi sulla sua carriera in MotoGp, il pilota romano è già volato in Arabia Saudita per il debutto nella Dakar 2022. La gara, in programma dal 1 al 14 gennaio, si svilupperà in 12 tappe e vedrà Petrucci come pilota della KTM Tech3 Rally Team. "Mi approccerò alla Dakar con attenzione, poi vedrò come le cose andranno a svilupparsi. I piloti della Dakar hanno capacità di guida impressionanti e io devo tenere sotto controllo la mia caviglia infortunata", ha detto il 31enne a SpeedWeek.

Pace fatta con Lecuona

L'ultima stagione in MotoGp di Petrucci è stata caratterizzata dalle frizioni con il suo compagno di squadra in KTM, il 21enne spagnolo Iker Lecuona. "Nei mesi di giugno e luglio - ha rivelato Petrucci - avevamo capito che dovevamo lottare per una sella nel 2022, visto che dovevano ingaggiare il futuro campione in Moto 2 (Remy Gardner, ndr). Ero davvero arrabbiato con lui per via della sua aggressività in pista, poi a fine stagione ci siamo abbracciati". Ora però c'è la Dakar e Petrucci ha un asso nella manica: "Quando ci hanno pesati, avevo la percentuale di grasso corporeo inferiore a tutti i piloti. Così ho proposto loro uno scambio: un po' di massa grassa per le loro abilità di guida", ha concluso scherzando.

Corriere dello Sport - Stadio

Abbonati all'edizione digitale del Corriere dello Sport!

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti