MotoGp, Alex Marquez: "Chi attacca mio fratello non ama le moto"

Il pilota della Honda LCR difende l'otto volte campione del mondo: "Il primo incidente è colpa di Bastianini"
MotoGp, Alex Marquez: "Chi attacca mio fratello non ama le moto"© EPA
2 min
TagsMotogpmarquez

ROMA -Quelli che pensano male di Marc non sono tifosi delle moto, sono fanatici di un pilota e qualunque cosa succede si scagliano contro gli altri. Questa gente non ama il motociclismo”. Così ai microfoni di "AS" Alex Marquez in difesa di suo fratello, Marc Marquez, protagonista nell'avvio caotico del Gran Premio di Aragon di MotoGp che ha causato tre ritiri. Fabio Quartararo, Takaaki Nakagami e lo stesso Marc Marquez sono stati costretti ad abbandonare la gara, con conseguenze nefaste per il francese campione del mondo, che vede ora Francesco Bagnaia ad appena 10 punti dietro di lui. Durante e dopo la gara, i profili social di Marquez sono stati invasi dai fan di Quartararo, che insinuavano come l'azione dell'otto volte campione del mondo fosse premeditata.

Il commento di Marquez

Per Alex Marquez i due incidenti non sono stati causati dalle manovre di suo fratello. Il pilota di Cervera infatti afferma: “Il primo incidente, che ha scatenato tutto, credo sia stato generato da Bastianini che è andato largo e Marc si è spaventato e ha cercato di evitarlo. Quartararo voleva passarlo e non ha notato l’esitazione di Marc e hanno avuto un contatto, come può succedere al primo giro". "Nel secondo incidente - prosegue il futuro pilota Gresini - Marc aveva un pezzo di carena di Fabio nella ruota posteriore e quando ha inserito l’holeshot, la moto è andata verso Nakagami". "Sono cose che possono succedere. Marc è poi andato a parlare con Fabio", ha poi concluso Alex Marquez.


Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti