MotoGp, Stoner: "Sarà un fallimento Ducati, anche in caso di Mondiale"

L'australiano critica la casa di Borgo Panigale per le troppe innovazioni elettroniche: "Ecco perché i piloti ora non capiscono le moto"
MotoGp, Stoner: "Sarà un fallimento Ducati, anche in caso di Mondiale"© LAPRESSE
2 min
TagsMotogpducatistoner

ROMA - "Oggi continuano ad aggiungere sempre più elettronica e questo serve a correggere solo la forma e non la sostanza della moto. Penso perciò che la Ducati ha fallito nel corso degli anni, a prescindere se riuscirà o meno a vincere il titolo quest'anno. Ecco perché non hanno vinto più campionati". Sono parole dure queste ai microfoni del podcast "In the Fast Lane" di Casey Stoner, due volte campione del mondo e ultimo pilota a conquistare il titolo iridato con la Ducati. Per l'australiano è necessario tornare a una guida slegata dalle tante componenti elettroniche ora presenti sulle MotoGp. Un aspetto questo che impedirebbe a "questa generazione di comprendere ciò che sta accadendo in un fine settimana: c'è troppa roba elettronica"

Il racconto di Stoner

Da quanto Stoner ha vinto il titolo con la Ducati a oggi, però, sono passati quindici anni. Periodo in cui lo sviluppo in classe regina ha fatto passi da gigante. Alcune di queste innovazioni sono state introdotte proprio dalla scuderia italiana, leader del settore che spesso anticipa sul tempo gli avversari. "Quando correvo io dovevo lottare con gli ingegneri perché eliminassero più componenti elettroniche possibili. Così riuscivo a capire come stesse davvero la moto", insiste però Stoner, che nel Motomondiale ha raccolto 89 podi su 176 gare disputate.


Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti