MotoGP, Puig: “Marquez lo stesso di sempre, dobbiamo verificare la moto"

Honda è chiamata a dare una risposta dopo un 2022 da incubo: il team manager traccia i contorni della situazione nel team giapponese
MotoGP, Puig: “Marquez lo stesso di sempre, dobbiamo verificare la moto"© EPA
3 min
TagsMotogphondamarquez

ROMA - Dopo le ultime stagioni, passate più sotto ai ferri che in pista, Marc Marquez si approccia al 2023 con la volontà di tornare a competere ai massimi livelli in MotoGP. Il pilota catalano, infatti, si è sottoposto alla bellezza di quattro interventi al braccio destro, e, nonostante gli acciacchi, nelle poche apparizioni in pista si è confermato il pilota più performante di Honda, nonostante il momento buio che sta vivendo la casa giapponese. Tutti temi toccati da Alberto Puig in una recente intervista a Motorsport.com, in cui ha candidamente ammesso: "Marc è lo stesso di sempre, con la stessa voglia di andare a tutto gas fin dal primo momento. È stato uno dei suoi migliori inverni degli ultimi anni, si è riposato e anche allenato, sta andando veloce. Quello che rimane da verificare è la potenzialità della moto. I test di Valencia non sono andati come volevamo, ma è chiaro che dobbiamo migliorare. Ci vorrà più o meno tempo, ma arriveremo ad avere una moto competitiva. La priorità è dare a Marquez una moto che gli permetta di vincere".

"Ai piloti chiediamo di vincere"

Se da una parte del box c'è un Marc Marquez che scalpita, dall'altra c'è un Joan Mir che, anch'esso in qualità di campione del mondo, non può certo essere trattato come una seconda guida. "Joan ha girato con noi già a Valencia, ma la moto non è andata come ci aspettavamo - sottolinea ancora Puig -. Joan ci ha dato una sua prima valutazione approssimativa, soprattuto nel confronto con la Suzuki. Quando un pilota arriva da una moto che ha vinto due delle ultime tre gare, logicamente il cambiamento lo nota. A lui, così come a tutti i piloti Honda, chiediamo che vinca; ma allo stesso modo dobbiamo prima trovare un equilibrio e dare loro una moto che funzioni". Honda ha dovuto affrontare anche diversi cambiamenti nel proprio organico, tra i quali spicca l'arrivo di Ken Kawauchi come nuovo responsabile tecnico: "Non ci aspettiamo che da solo risolva subito tutti i problemi, non possiamo darci una scadenza. È un vero appassionato di corse, abbiamo approfittato del ritiro di Suzuki per ingaggiarlo, altrimenti penso che sarebbe rimasto da loro"


Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti