Marquez, la rivalità con Rossi e un obiettivo: ecco perché ha scelto Ducati

Il pilota spagnolo ha sposato il team Ducati Gresini, con un obiettivo preciso in testa: c'entra anche la storica rivalità con Valentino. Leggi i dettagli
7 min
Mirko Colombi

Sebbene figurasse e vincesse per e con la Derbi, il giovanissimo Marc Marquez era già nel mirino della Honda, Casa insieme alla quale il nativo di Cervera ha condiviso i massimi successi di carriera, nel computo di 6 titoli MotoGP, costrutto di 59 affermazioni di tappa, 101 podi e 64 pole position, per un amore reciproco evidenziato dai risultati della pista e manifestato dal 2013 al 2019, prima di scemare e tramutarsi in trascinata convivenza. Quando correva in 125, soprattutto nel successivo passaggio in Moto2, il catalano aveva un piano per nulla occulto ad attenderlo, disegnato dal manager Emilio Alzamora e allestito dalla HRC che, pur di inserirlo subito nella formazione ufficiale Repsol, “aggirò” la regola che vietava ai rookie di classe nell’entrare in prima istanza in una formazione Factory, ovvero, direttamente collegata al Costruttore e denonaminata “ufficiale”.

Marquez, il debutto in MotoGp e la rivalità con Rossi

Era il 2013, stagione d’esordio per El Cabroncito, talento smisurato ma spesso e mal volentieri fuori misura, tanto da rischiare l’osso del collo e il prematuro stop agonistico nelle precedenti categorie. Invece, seppur spericolato, quel numero 93 mise tutti in riga nell’annata d’esordio in MotoGP, imponendosi nel secondo Gran Premio, incornando gli avversari e facendosi incoronare, dimostrando a sé stesso di essersi legato al Marchio opportuno, facendo se non dimenticare, perlomeno archiviare le imprese di Casey Stoner, Valentino Rossi e Michael Doohan, tre nomi tra i vincenti dell’Ala dorata ad aver segnato indelebilmente Albi e classifiche,

Nessuno è stato maggiormente uomo bandiera di Marc nella categoria regina, nemmeno Freddie Spencer tra il 1983 e 1985, autore di tripla corona tra cui la doppietta 250 e 500. Eddie Lawosn fu una sorta di meteora, lo stesso Doohan si “fermò” a 5 allori - l’infortunio del 1999 a Jerez, ricordate la pista, aprì la strada ad Alex Criville, compagno di box - poi arrivò il genio di Tavullia, veramente mai amato, o meglio, realmenti mai sentitosi amato. Contrariamente, Marquez ha voluto e vuole ancora bene al Marchio, inteso come persone. La lettera inviata a un membro della squadra, la sua squadra, lo spiega: il cuore dice una cosa, la testa un’altra. E il corpo, parlando di tempo, ha poco tempo a disposiozione.

Marquez in Gresini: il motivo della scelta

Il motivo per cui Marc passa in Gresini è prettamente agonistico tirando in ballo la comparazione tra le moto, professionale in termini aziendali. Provate a immaginare come si senta uno che ha fatto l’impossibile per guarire da infortuni e ferite feroci e molteplici, causata del primo incidente patito a Jerez - ecco la pista di cui sopra - 2020, prolungatosi tra cadute, ricadute, rinuncee e speranza, sale operatorie ed esercizi massacranti. Una volta ripristinata la piena efficienza, il pilota si è reso definitivamente conto quanto la RC213 V sia in debito rispetto alle rivali. Di credito, a parte l’ingaggio sottoscritto, il catalano ne ha trovato poco. Come archiviare le manovre gomito a terra, risolutivo in fase di salvataggio mentre la caduta sembrava cosa certa? Come dimenticare i duelli condivisi assieme ad avversari del calibro di Jorge Lorenzo, Dani Pedrosa, Andrea Dovizioso e Valentino Rossi. Sarebbe possibile accettare un eventuale pari ritiro già messo in atto dai colleghi, fermandosi a contare le coppe (chissà se impolverate) sulle bacheche?

L'obiettivo, superare Valentino Rossi

No, lui vuole fare almeno come Valentino Rossi ha fatto. Un titolo in più come minimo, certo, ma correre a più non posso. Combattendo, oltre che contro le moto guidate dagli altri, contro l’orologio, ovvero, l’incidere dei giorni. Rossi è stato un maestro in tale aspetto, come Marc si è rivelato bravo allievo, però in termini emulativi relativi alla modalità con la quale piegare il prossimo. Vedete Jerez 2005 per l’italiano su Sete Gibernau, imitata da Marc ai danni di Lorenzo nella stessa ultima curva andalusa, intitolata allo stesso Jorge. Era il 2013, a ricordare 8 stagioni orsono, per un tamponamento quasi fotocopia. A Laguna Seca, anche: Rossi infilò Casey Stoner nel 2008, fruendo di ghiaia e vie di fuga. Marquez lo stesso, ma su Valentino. Quel “Cavatappi” fu marcato da entrambi, che si ritrovarono nell’epilogo peggiore a Valencia, In quel caso due anni dopo. Da Sepang, a precedere Sepang, a seguire Sepang. E di molto. Il 2015 coincide col massimo punto di odio tra i due, sì sportivo, contestualmente personale. Altro che le liti di Valentino con Max Biaggi. Altro che i bisticci di Marc e Lorenzo. Quei due sparavano la massima potenza di fuoco, infiammando i tifosi, accendendo le polemiche e scaldando i dirigenti delle rispettive Case. Honda, attorno a Marc, costruì una sorta di paravento silenzioso, principalmente volto al futuro: perché perdere tempo ed energia, quando si può vincere ancora? Infatti, dietro l’angolo si trovava un tris d’allori impressionante, segnato nel 2017, 2018 e 2019 e, alla fine della terza delle imprese, lo status di binomio imbattibile Honda-Marc, il più forte. Eterno. Ci si sbagliò, come sbagliavamo quando pensavamo che il passaggio in Gresini fosse mera pubblicità. Macché, era tutto vero. E’ vero. Si è sbagliato il legale, che dette la possibilità a Marc di spezzare l’accordo stipulato per il gigante di Tokio senza pagar pegno, cioè, la penale rescissoria. Avrebbe dovuto farlo, qualora in direzione di altra struttura ufficiale o satellite. Gresini Racing è indipendente, Ducati ma indipendente. Non gode di Desmosedici Factory né aggiornate. Il contrario del Repsol HRC e quattro cilindri nippo. Marc rinuncia a tanti soldi, perché nella vita il denaro non è tutto. E’ anche vero che di denaro già ne ha incamerato, sicché quale senso trovare in corse da affrontare col coltello tra i denti e la spada di damocle sulla schiena? Meglio accontentarsi, o rischiare di fare una figuraccia? Meglio dare colpa a moto e fabbrica, o meglio - casomai - incolpare sé stesso? Si chiama ambizione. Marquez ne ha. Forse, i rappresentanti Honda un pò meno. E lui se ne è accorto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti