Sciopero dei benzinai, stop il 25 e 26 gennaio: "Cosa chiediamo al Governo"

I sindacati dei distributori italiani, nell'attesa della "pace" con Palazzo Chigi, hanno confermato l'agitazione inizialmente congelata
Sciopero dei benzinai, stop il 25 e 26 gennaio: "Cosa chiediamo al Governo"
4 min
Tagsprezzi carburantesciopero benzinai

Novità importante sulla questione dei carburanti, che da ormai più di un anno agita il mondo dell'automotive italiano, e non solo. Perché lo sciopero dei benzinai previsto per il 25 e 26 gennaio è stato confermato dai sindacati di categoria, Fegica e Figisc/Anisa, dopo l'incontro con il governo rappresentato dal Ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso. Lo stop dei distributori era stato inizialmente congelato dalle sigle dopo un primo incontro avvenuto con le istituzioni. Oggi, il dietrofront. Giovedì 19 gennaio, tuttavia, è prevista una nuova conferenza dei sindacati, i quali si aspettano un ulteriore segnale distensivo da parte del governo.

Prezzi benzina e Diesel, arriva l'obbligo per i distributori di carburante

"Serve un accordo sottoscritto in sede di presidenza del Consiglio, ad indicare la collegialità dell'intero governo e sottrarre la vertenza in atto a qualsiasi speculazione all'interno della maggioranza - recita la nota dei sindacati -. In attesa delle valutazioni del governo lo sciopero previsto per i giorni 25 e 26 gennaio è confermato. Per fare emergere serietà e competenza richiesta c'è tempo fino al minuto prima della chiusura degli impianti".

Le richieste dei benzinai italiani

"Ancora oggi il Governo non ha saputo o voluto assumere la responsabilità di prendere impegni concreti sulle questioni che direttamente possono incidere anche sui prezzi dei carburanti - continuano le sigle -. Immaginando evidentemente di poter continuare ad ingannare gli automobilisti gettando la croce addosso ai benzinai". I sindacati confermano "il pessimo giudizio sul decreto, pasticciato ed inefficace, a cui sarà necessario mettere mano pesantemente in sede di conversione, abbiamo proposto con serietà al governo di assumere alcune iniziative tutte ispirate al recupero della piena legalità nel settore ed al ripristino di un sistema regolatorio certo, con l'obiettivo di adeguare efficienza e gli standard di servizio offerti agli automobilisti italiani e ottenere la proposizione di prezzi dei carburanti equi e stabilmente contenuti. Nel medio periodo è necessario l'avvio di un confronto che metta immediatamente in cantiere la riforma del settore volta a chiudere 7.000 Impianti, che secondo una stima prudente sono attualmente nelle mani della criminalità più o meno organizzata, recuperare al gettito erariale circa 13 miliardi di euro sottratti ogni anno alle casse dello stato e quindi ripristinare condizioni di mercato e concorrenza non drogate".

Benzina: Urso, ci sono i margini per migliorare il decreto

Cosa chiedono quindi i benzinai italiani? Di varare "urgentemente la norma che preveda controlli e sanzioni - attualmente inesistenti- per i titolari degli impianti che non rispettano gli obblighi di legge imposti sui contratti di gestione e gli accordi collettivi, posto che almeno il 60% dei gestori è senza contratto o con contratti illegali e condizioni economiche minime. Inoltre, è necessario che il MIT apra immediatamente il confronto sul decreto ministeriale che regola le concessioni delle aree di servizio autostradali, perché finalmente alle società concessionarie venga sottratta la possibilità di sfruttare a proprio esclusivo beneficio economico un bene in concessione pubblica come le autostrade e possano essere adeguati sia la qualità dei servizi che i prezzi attualmente fuori controllo". Il tutto, naturalmente, passa attraverso un accordo con Palazzo Chigi.

Caro benzina, solo piccoli ritocchi ai prezzi: i nuovi valori


Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti