Richards e quel primo stipendio da capogiro: “Comprai una Ferrari ma volevo di più"

L’ex terzino inglese parla del rapporto tra soldi e calciatori: “Danno alla testa: pensi solo a nuove macchine da comprare, case e Champagne”
Richards e quel primo stipendio da capogiro: “Comprai una Ferrari ma volevo di più"
3 min
TagsMicah RichardscalciatoriSoldi

Nonostante la sua età (classe 1988), Micah Richards si è ritirato dal calcio giocato già da diversi anni. Era l’estate del 2019, lui aveva 31 anni, e non disputava una partita ufficiale dal 2016 a causa di numerosi infortuni al ginocchio che lo hanno tenuto lontano dal campo. Una volta dato l’addio definitivo al calcio giocato, l’ex terzino inglese (che in Italia ha vestito per una stagione la maglia della Fiorentina) come tanti suoi colleghi ha iniziato a lavare in tv, tra ospitate varie. Ma passare da stipendi milionari a compensi “umani” non è stato facile, come ha raccontato a TheAthletic in un'intervista riportata dal DailyMail: “Con il primo stipendio ho comprato una Ferrari”.

Ferrari come status symbol

Non è il primo né sarà l’ultimo ex calciatore ad ammettere che chi vive in quel mondo si trova dentro una bolla. Stipendi stellari e stili di vita inarrivabili. E poi bisogna fare i conti con la realtà. Ma cosa ha dichiarato Richards? “Immaginate di guadagnare 500 sterline a settimana e passare prima a 5mila e poi addirittura a 50mila. Poi arrivano i bonus, i soldi per le presenze, un bonus alla firma che ti spalmano sul contratto…”, racconta l’ex terzino riferendosi al salto dalle giovanili in prima squadra (che per lui è stato con il Manchester City, dove in totale ha militato dal 2001 al 2014). “Mi ricordo quando mi è arrivato uno stipendio da 250mila sterline per un mese, ero al centro sportivo, ho visto la mia busta paga e la prima cosa che ho pensato è stata 'wow, come è possibile?'. Cosa fareste al posto mio? Io lo so che cosa ho fatto, sono andato subito a comprarmi una Ferrari. Avevo già una Range Rover e una Aston Martin, ma ho pensato fosse il momento di comprarmi una Ferrari. Prima una F430 e poi una 458 Speciale”. Le auto di un certo livello, insomma, sono dei veri e propri status symbol: in questo caso la Ferrari come metafora del calciatore che ce l’ha fatta.

Non solo auto

Dopo le auto è la volta delle case: “E poi ho cominciato a cercare una casa, ne ho comprata una da 3 milioni, con sette stanze da letto. Il posto dove vivevo andava già bene, ma quando sei un calciatore funziona così - dice Richards in riferimento alla competitività tra compagni - si fa sempre a gara per chi ha la miglior casa o la miglior macchina, quindi vuoi sempre di più”. E poi accadono degli episodi che provano a farti ragionare, come dei campanelli d’allarme: “In America ho speso circa 150mila dollari in champagne in una serata, volevamo la bottiglia più grande che avessero e costava 100mila dollari, più tutte le mance che abbiamo dato. E quello è il momento in cui ho cambiato modo di vedere le cose. Dovevo rimanere un mese negli USA, ma sono tornato dopo tre settimane, pensando che non avrei potuto continuare a vivere così. Sarei rimasto senza soldi”.

Da un Rolex all'ora a due jet al mese: cosa può comprarsi Ronaldo con lo stipendio dell'Al-Nassr


Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti