Mazda riorganizza la produzione post Covid-19

Per combattere la diffusione del coronavirus, la Casa nipponica ha ridotto il lavoro per aprile e maggio in tutti i suoi stabilimenti. In Giappone, stop dal 27 aprile al 1° maggio
Mazda riorganizza la produzione post Covid-19

Dopo la decisione di prorogare fino a tre mesi i tagliandi e le garanzie di tutte le vetture scadute o in scadenza tra il 1° febbraio e il 31 maggio 2020, Mazda organizza la produzione adeguandosi al momento di emergenza sanitaria. Prima ha bloccato gli impianti di produzione sia in Giappone sia all’estero a partire dal 22 marzo, per 13 giorni. Poi, ha sospeso di nuovo le attività in Giappone dal 27 aprile al 1° maggio. Proseguono alcune attività commerciali in alcuni Paesi, seguendo le norme e i regolamenti stabiliti dalle autorità locali. Molti punti vendita, però, hanno chiuso: ciò rende difficile fare previsioni, anche sulla domanda futura.

Cerchi un'auto usata? Sfoglia il nostro listino

Priorità: salute e sicurezza

Mazda dà la massima priorità alla salute e alla sicurezza dei suoi clienti e dipendenti, ma in più in generale a tutta la comunità. È per questo motivo che il Marchio nipponico ha deciso di riorganizzare la produzione, riducendola nei mesi di aprile e maggio negli impianti di tutto il mondo. Impianti, uffici e concessionarie che vengono costantemente sanificati per prevenire la diffusione del virus, adottando quanto più possibile la modalità di smart working.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti