Challenge Time
0

Sanificazione dell'auto, ecco come fare in vista della “ripartenza”

Il coronavirus rallenta la sua corsa e si avvicina il momento di rimettersi in moto. L’auto torna protagonista, vi spieghiamo come sanificarla

Sanificazione dell'auto, ecco come fare in vista della “ripartenza”

Dopo settimane di stop forzato a causa dell’emergenza coronavirus, seppur lentamente e con tutte le precauzioni del caso, si avvicina il momento di ripartire. Un cauto tentativo di ritorno alla normalità, seppur “vigilata”, che viste le restrizioni e le regole per il distanziamento sociale, vedrà sicuramente protagonista il trasporto privato. Ma attenzione, non si deve abbassare la guardia. Anzi, diventa ancora più importante adottare in maniera rigorosa condotte che possano impedire il riattizzarsi di focolai. Ottica nella quale, diventa  fondamentale anche una corretta (e sistematica) sanificazione della propria auto, che tornerà ad essere quindi sempre più usata negli spostamenti quotidiani. Riduciamo allora al massimo la percentuale di rischio e non facciamoci trovare impreparati. Di seguito, sfruttando una modella d’eccezione, ecco una serie di consigli per operare in maniera corretta.

COSA OCCORRE

Un’ accurata sanificazione parte prima di tutto dagli strumenti necessari a realizzarla: guanti monouso, mascherina, un detergente per superfici con azione disinfettante a base di alcool o cloro (in commercio si trovano innumerevoli prodotti, anche specifici per superfici particolari come gli interni in pelle), un normale rotolo di carta assorbente e un detergente antibatterico per le mani. Tutto questo rappresenta la dotazione minima e sufficiente per ottenere un buon risultato.

Sanificazione dell'auto, ecco come fare in vista della “ripartenza”

PRIMA DI INIZIARE

Scopriamo quindi, passo dopo passo, come procedere. Innanzitutto, vanno “neutralizzati” i principali vettori potenziali del virus: la bocca e le mani. Per prima cosa, dunque, occorre indossare la mascherina: le goccioline di saliva, anche involontarie e impercettibili (non necessariamente causate da un colpo di tosse o da uno starnuto) rappresentano la principale via di contagio del Covid-19. Dopodiché, igienizzate le mani con l’apposita soluzione e indossati i guanti, si può iniziare la pulizia delle superfici, versando il detergente sulla carta assorbente.

Scopri il nostro listino di auto usate: occasioni imperdibili con un click!

STEP BY STEP

Posto che una corretta igienizzazione debba prendere in considerazione l’intero abitacolo (sedute posteriori incluse, e relative aree di prossimità) ci sono superfici imprescindibili, e più esposte, che meritano attenzione assoluta: il volante (e relative leve laterali), il cambio, il cruscotto, la pulsanteria di servizio, la consolle centrale e il freno a mano. Non meno importanti sono poi i meccanismi di apertura dei vani portaoggetti, la parte interna della portiera, e le maniglie, oltre allo specchietto retrovisore e ai parasole.

Sanificazione dell'auto, ecco come fare in vista della “ripartenza”

Una volta terminata una scrupolosa pulizia dell’abitacolo, non vanno dimenticate le maniglie esterne, senza trascurare i meccanismi e le superfici di contatto per l’apertura del bagagliaio. A questo punto, abbiamo quasi finito: una passata alle chiavi di avviamento, anche se keyless, e il gioco è fatto.

ANCORA PIÙ A FONDO

Tutto questo, per quanto riguarda un’efficace sanificazione di routine. Per un risultato ottimale, andrà inoltre messa in conto anche la sostituzione dei filtri dell’impianto di aerazione, oppure la loro pulizia con appositi spray (senza dimenticare di disinfettare le bocchette e i tubi che mettono l’aria in circolo).

Infine, una raccomandazione: per battere il coronavirus, non c’è regola imposta che possa superare, in efficacia, una ferrea autodisciplina. E buona ripartenza, Italia!

MAZDA MX-5, LA PROTAGONISTA DI QUESTO SERVIZIO

La Mazda MX-5 non ha bisogno certo di presentazioni: sin dalle origini, rappresenta l’essenza pura della spider sportiva in grado di esaltare il piacere autentico della guida a cielo aperto. Quella utilizzata in questo servizio è uno splendido esemplare 30th Anniversary in edizione limitata, mentre nelle concessionarie è da poco disponibile il modello 2020, con allestimenti inediti e una gamma di tre colori unici, che ne esaltano ulteriormente il fascino: alle tonalità Soul Red Crystal e Machine Gray, si aggiunge, per la prima volta su questo modello, il Polymetal Gray, per dare vita alle versioni MX-5 Polymetal 1.5 e MX-5 Sport 2.0.

La Mazda MX-5 Polymetal 1.5 è disponibile nella configurazione Soft Top e con il motore 1.5L Skyactiv-G da 132 CV omologato Euro 6d e cambio manuale 6MT. La versione Sport 2.0 è pensata, invece, per chi cerca il piacere assoluto delle performance. La MX-5 Sport 2.0 è infatti disponibile con il motore Skyactiv-G 2.0L da 184 CV omologato Euro 6d associato al cambio manuale a 6 rapporti ed è ordinabile sia con la carrozzeria Soft Top, sia RF - Retractable Fastback - con tetto rigido. Le due colorazioni scelte per questa versione sono quelle più caratteristiche ed esclusive di Mazda, realizzate attraverso lo speciale processo di verniciatura Takuminuri: il Machine Grey - di serie - e il Soul Red Crystal - come optional -. Entrambi i colori contengono scaglie di alluminio altamente riflettenti che enfatizzano le linee dall’auto. Le prestazioni del propulsore 2.0L Skyactiv-G da 184 CV sono assecondate dalla presenza delle sospensioni sportive Bilstein, dalla barra a duomi anteriore e dal differenziale posteriore autobloccante di tipo meccanico.

Entrambe le MX-5 Polymetal 1.5 e Sport 2.0 sono dotate di tecnologia i-Stop e del sistema di recupero dell’energia in frenata i-ELOOP per garantire elevata efficienza e, al tempo stesso, performance elevate. L’i-ELOOP è un sistema di rigenerazione dell’energia in frenata che utilizza un leggero e tecnologico super condensatore in luogo di una tradizionale e più pesante batteria al litio, per recuperare energia elettrica e usarla per alimentare i sistemi elettrici del veicolo, diminuendo la richiesta di energia al motore da parte dell’alternatore. Questo garantisce ottimi livelli di consumo ed emissioni (consumo medio WLTP 6.3l/100 Km e 6.9l/100 Km ed emissioni CO2 g/km nel ciclo WLTP pari a 142g/km e 155 g/km rispettivamente per la motorizzazione 1.5L e 2.0L).

La Mazda MX-5 2020 è già ordinabile con prezzi a partire da 33.500 Euro per la versione Polymetal 1.5, fino a 38.600 Euro previsti per la versione Sport 2.0con carrozzeria RF nella esclusiva tonalità Machine Grey.

Tutta la gamma Mazda: il listino completo

Tutte le notizie di Challenge Time

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti