Cinemotori

Vedi Tutte
Cinemotori

Ritorno al futuro day, Toyota e Smart si punzecchiano

Ritorno al futuro day, Toyota e Smart si punzecchiano

Toyota ingaggia Michael J. Fox e Cristopher Lloyd per lanciare la nuova Mirai, Smart Italia "provoca" su twitter. 

 Francesco Colla

mercoledì 21 ottobre 2015 10:26

21 ottobre 2015, finalmente siamo nel futuro. Per i fan della trilogia di Marty McFly e "Doc" Brown è una data simbolo, corrispondente all'arrivo dei protagonisti nella futuristica Hill Valley con macchine volanti, scarpe autoallaccianti e skateboard a levitazione. Non sarà il 1984 di Orwell, ma il fatto che in buona parte delle sale italiane si sia organizzato un Ritorno al futuro Day (preceduto da ashtag, ovviamente), la dice lunga su quanti ragazzini ormai cresciuti sentano il desiderio di un ritorno al passato. Ne approfittano le Case automobilistiche, per ovvi motivi. La DeLorean DMC 12 (per chi non lo sapesse disegnata da Giugiaro più di 30 anni fa) è il vero simbolo del film, nonché l'auto più famosa della storia del cinema assieme all'Aston Martin DB5 del primo James Bond.

Toyota, già presente nell'incipit del primo capitolo della saga con un product placement ante litteram, (“Occasioni per tutti i modelli Toyota del 1985, non troverete un’auto migliore, al prezzo migliore…” si sentiva alla radio) non poteva mancare all'appuntamento. La Casa giapponese ha fatto le cose in grande, a dir poco, ingaggiando Michael J. Fox e Critopher Lloyd, i protagonisti della trilogia, per pubblicizzare il debutto della sua Mirai, la berlina a idrogeno da poco lanciata sul mercato. Nella clip potete vedere il gustoso cortometraggio con cui Toyota manda scherzosamente in pensione la DeLorean: l'agognato futuro è arrivato e ora, anche se le auto non volano, ci sono soluzioni ben meno inquinanti per la mobilità.  

Ma Toyota non è l'unico brand a cavalcare l'onda del Back To The Future Day: anche Peugeot, Smart e Mercedes (in prevedibile attesa di altri marchi) hanno realizzato omaggi, sostituendo la DMC con propri modelli di serie o concept. Ne è nata una divertente e curiosa sfida sui social, che sta coinvolgendo Toyota e Smart. La Casa giapponese cita il film, Smart ribatte punzecchiando che con le proprie citycar il parcheggio non è mai un problema: da lì una piccola "querelle" a colpi di tweet che potete scorrere più in basso. 

 

 

 

Per Approfondire

Commenti