Malanca Competizione, classe 1965
Due ruote
0

Malanca Competizione, classe 1965

Vi raccontiamo la storia di questo modello, presentato al Salone di Milano 54 anni fa. Due serie, completamente diverse l'una dall'altra 

Una storia iniziata nel 1965, al Salone di Milano. La prima serie di Malanca Competizione si presentava con un lungo serbatoio squadrato con leggere sfiancature per le ginocchia. Il sellino, sportivo, era piuttosto corto e favoriva una posizione allungata del pilota. Di questo mezzo altra particolarità è il tappo del serbatoio, posizionato sul lato destro e non sulla parte superiore.

Malanca Caribù, l'incompresa

Semi manubri, forcella ed ammortizzatori con molle scoperte, pedane arretrate e freno posteriore da azionare col tacco (presenti anche versioni con pedale tradizionale) nonché le ottime prestazioni fornite dal motore, completano l’armamentario utile a ben figurare nell’allora nascente segmento dei cinquantini veloci.

LA TESTA ROSSA - Sarà proprio questo modello (al Salone Milano 1965) a fregiarsi per primo della denominazione “testa rossa” su una versione meglio rifinita in cui compare la verniciatura rossa per la testa (ovale) del motore.

Il propulsore dotato di un carburatore da 18 mm, ha una potenza similare ai motori P4 della Minarelli o ai Franco Morini a 4 marce, e consentiva a questo veloce motorino di superare gli 80 km/h effettivi.

In contemporanea la Malanca aveva in listino lo Sprint con un serbatoio dal disegno più tozzo, le pedane poste in posizione classica ed un più sobrio manubrio rialzato.

Guida all’acquisto – Il “resto del mondo” negli anni ’70

LA SECONDA SERIE - Affianca il Testarossa (il Top di gamma della Malanca nei 50 cc sportivi), la seconda serie del Competizione . Si tratta di una versione economicamente più abbordabile rispetto al modello di punta, ma a tutti gli effetti è un valido esempio di 50 sportivo. Molto simile nei tratti somatici al Testarossa, di cui conserva l’impostazione generale, si distingue a colpo d’occhio sia per il diverso telaio privo della triangolatura centrale e dei rinforzi sul cannotto di sterzo che per il serbatoio con tappo di rifornimento in posizione arretrata. Il motore ha sempre il cambio a 4 marce e dispone di pistone a cielo bombato con due fasce. Anche in questo caso la versione Export, che viene fornita con carburatore da 17 mm, consente di raggiungere una velocità superiore agli 80 km/h.

Tutte le notizie di Due ruote

Per approfondire

Caricamento...
Caricamento...
Caricamento...