Newton-Rider, il casco pieghevole che protegge i ciclisti

Sviluppato da una start-up danese, si adatta alla struttura cranica del ciclista, è sicuro contro gli impatti e vanta un microchip che individua le aree in cui si sta pedalando. Costa 89 euro
Newton-Rider, il casco pieghevole che protegge i ciclisti
2 min

Newton-Rider è il nome della start-up danese che ha inventato l'omonino casco pieghevole per biciclette, sviluppato grazie al crowdfunding. Un vero e proprio casco intelligente, in vendita al prezzo di 89 euro.

Si adatta alla testa e si ripiega una volta utilizzato

Il design del Newton-Rider segue la struttura cranica del ciclista, adattandosi alla testa, e si può ripiegare per poi riporlo in una borsa. Resistente e flessibile agli urti, pesa solamente 450 grammi. Presenta dei cuscinetti che s'induriscono nel punto d'impatto, assorbendo gran parte dell'eventuale collisione alla testa, per poi riammorbidirsi e tornare al loro stato primario. Quindi, oltre a essere sicuro, si può riutilizzare anche dopo un incidente.

Dentro c'è anche un microchip

Lo strato più interno del casco è composto di altri due layer, in policarbonato rigido e schiuma poliuretanica PUR, in grado di proteggere il cranio in caso di caduta, impatto o oggetti appuntiti: lo fa distribuendo l'urto su tutta la superficie costituita da policarbonato rigido e assorbendo il colpo nella parte intermedia in PUR. Inoltre, Newton-Rider accoglie all'interno un microchip in grado di stimolare e incentivare il ciclista all'uso e rilevare le aree dove si sta pedalando.

Bici in città, quale la città più virtuosa?


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti