Corriere dello Sport

L'edizione digitale è su tablet e smartphone. Provala gratis

Eicma

Vedi Tutte
Eicma

EICMA 2015: MV Agusta Brutale 800, cambio totale

EICMA 2015: MV Agusta Brutale 800, cambio totale

A quindici anni dalla prima versione, la naked italiana si rinnova completamente

Sullo stesso argomento

dal nostro inviato Federico Porrozzi

lunedì 23 novembre 2015 12:01

Era il 2000, quando all’Intermot di Monaco venne presentata la 750 Serie Oro. Brutale. La prima naked firmata dalla MV Agusta.
Oggi, a quindici anni di distanza e dopo 30.000 unità consegnate (è la MV più venduta di sempre), la Brutale si è “presentata” all’EICMA di Milano completamente rinnovata.

ESTREMA - Riviste le proporzioni e le forme, ora più scolpite e ancora più filanti e sportive. E’ caricata in avanti, la nuova     Brutale. Pronta ad aggredire l’asfalto. 
Nuovo è il disegno della struttura in lega leggera del telaio reggisella, raccordato al serbatoio trapezoidale da 16,5 litri, integrato nell’airbox. 

SELLA SDOPPIATA E FARI FULL LED - Il faro anteriore è full led mentre davanti al nuovo manubrio, con la pompa frizione e blocchetti elettrici arriva anche un rinnovato cruscotto digitale. 
Sulla parte posteriore della nuova Brutale 800 la sella è sdoppiata, il faro e gli indicatori sono a led, lo scarico a tre canne d’organo è stato maggiorato nel profilo e le maniglie del passeggero sono a scomparsa. 

COPPIA AUMENTATA - Rinnovato anche il motore tre cilindri ad albero controrotante, omologato Euro4 e capace di sprigionare una potenza massima di 116 cv e una coppia aumentata del 25%. 
L’elettronica prevede il cambio up&down EAS 2.0, la frizione idraulica con sistema anti-saltellamento e la gestione motore MVICS completa di ride by wire multi-mappa e controllo di trazione regolabile su 8 livelli.

CICLISTICA RIVISTA - L’interasse della nuova Brutale 800 è più lungo di 20 mm rispetto alla versione precedente ed è aumentata anche l’avancorsa di 8,5 mm. La ciclistica prevede l’adozione di un telaio a traliccio in tubi d’acciaio ALS, integrato con piastre in lega leggera di alluminio sul posteriore, dove lavora un monoammortizzatore Sachs. Davanti c’è invece una forcella Marzocchi a steli rovesciati. L’impianto frenante è Brembo, completo di ABS di serie, di due dischi anteriori flottanti da 320 mm e un singolo posteriore da 220. 

Articoli correlati

Commenti