Formula E, ePrix Puebla gara1: vittoria Di Grassi dopo la penalità a Wehrlein

La prima delle due gare in Messico finisce in modo surreale: il pilota della Porsche è stato squalificato dopo aver tagliato per primo il traguardo. A giovarne è l'Audi che fa doppietta davanti a Mortara
Formula E, ePrix Puebla gara1: vittoria Di Grassi dopo la penalità a Wehrlein
Tagsaudidi grassiformula e

La beffa, bis. Due anni fa, sempre in Messico, un ePrix che sfugge a Pascal Wehrlein, dominatore a Città del Messico fino a 20 metri dal traguardo. A secco d'energia, allora, saltato in volata da Lucas di Grassi.

2021, ePrix di Puebla. Ancora Wehrlein, dalla pole, che corre bene e col passo vincente. Stavolta vince, sotto la bandiera, segnando la prima affermazione con Porsche. Ma un'infrazione tecnica del team, che non ha dichiarato il set di gomme utilizzate in gara, costa la vittoria al pilota tedesco. Squalificato, così come André Lotterer.

Bel circuito e Attack Mode alternativo

È il colpo di scena su un ePrix corso su una pista interessante, scorrevole e dall'asfalto con pochissima aderenza. Il resto lo ha fatto un Attack Mode collocato di fatto su una curva del tutto diversa dalla traiettoria di curva 8. Oltre al tempo perso per le due attivazioni, è stato il momento costato il ritiro a Sam Bird, nella collisione con Alexander Sims nel tornare sulla traiettoria normale di gara. Avveniva ai 18 minuti dal termine, episodio che ha provocato la seconda safety car. 

La prima, subito in partenza, con Nick Cassidy a prendere il muro sulla stessa uscita di curva 8. Ancora, poco più tardi, sorte toccata a Vergne dopo 21 minuti di gara.

Rowland piantato al via

Lo scatto dalla pole di Wehrlein è perfetto, controlla l'ePrix e non subisce la minaccia di Rowland, in prima fila ma autore di una pessima partenza, con la Nissan a piantarsi quasi sulla linea e muoversi lentamente. 

Recupero Audi

Due BMW a correre - e lottare tra loro - all'inseguimento di Wehrlein. I cambi di posizione dettati dall'attivazione dell'Attack Mode riportano sempre la Porsche al comando. Dalla direzione gara arriva ai 12 minuti dalla bandiera la notizia di un'investigazione su Wehrlein, poi estesa alle due Nissan e Lotterer. Sarà il preludio alla squalifica. 

Un ePrix che ha visto le due Audi correre su un bel passo, recuperare posizioni dall'ottava di Di Grassi e la nona di Rast al via, mostrando un ritmo solido da podio nella seconda metà soprattutto dell'ePrix. Come unabella rimonta da metà schieramento l'ha prodotta Mitch Evans, ottavo al traguardo davanti a De Vries, un altro protagonista di qualifiche da dimenticare. 

BMW spenta sulla distanza

Sul podio, con Di Grassi e Rast, va Edoardo Mortara, che battaglia prima con le BMW e poi con i due Audi, dimostrando d'avere in Venturi la velocità per correre nelle posizionia ridosso del podio. Quarta piazza per Sims su Mahindra, poi Dennis su BMW e Da Costa, sesto, Vandoorne è settimo. Chiude la top ten Lynn. BMW che si è spenta alla distanza, Guenther finisce solo 12°. 

Domenica si replica, con le qualifiche dell'ePrix di Puebla-2 alle 19:00 e gara-2 alle 23:00. Nel mondiale Piloti è Frijns a restare in testa con 62 punti, poi Da Costa a 60, De Vries a 59 e Rast a 58, quarto con un bel balzo grazie ai 19 punti del secondo posto odierno e del giro più veloce in gara. Audi con la doppietta sale quarta nel Costruttori, a 97 punti contro i 113 della Mercedes al comando. 

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti