Vandoorne vince l'ePrix di Monaco davanti a Evans e JEV

Una super Mercedes si porta a casa la gara di Montecarlo e la vetta della classifica del Mondiale, beffando la Porsche di Wehrlein. Antonio Giovinazzi è 14°
Vandoorne vince l'ePrix di Monaco davanti a Evans e JEV
6 min
TagsePrix MonacovandoorneMERCEDES

Né Evans, né Wehrlein, che l'ePrix di Monaco lo hanno attaccato dalla prima fila. È di Stoffel Vandoorne su Mercedes la vittoria dopo 45 minuti più un giro - e 4'30" di recupero per le fasi di Full Course Yellow e di Safety Car che hanno caratterizzato l'ePrix -. 

Una Montecarlo sufficientemente noiosa per lo sviluppo dei primi 20 minuti di corsa. Sono i piloti nelle retrovie, i due Andretti soprattutto, ad attaccare e provare manovre di sorpasso. 

Wehrlein leader sfortunato

Evans e Wehrlein sono la testa di un trenino di 11 monoposto, alterato nei distacchi e nella composizione dai passaggi in Attack Mode. A Vandoorne e Mercedes va il merito di una gestione dell'energia e della corsa senza sbavature.

Evans corre da leader ma con una gestione energetica non ideale, tanto da subire il sorpasso di Wehrlein, che ha altro ritmo. Le ambizioni Porsche si infrangono in un problema tecnico ai 20 minuti dalla fine, quando fuori dal Mirabeau alto la Porsche appieda Pascal. Arriva a superare il tunnel, poi lo stop, il Full Course Yellow e il gruppo compatto.

Vergne, ambizioni di vittoria infrante in AM

Si arriva con Vergne leader davanti a Vandoorne, bravo a passare Evans. L'attivazione del secondo Attack Mode costa tantissimo a Vergne, perché scala terzo e, soprattutto, per l'esposizione del Full Course Yellow da parte della direzione gara: gruppo a 50 km/h per consentire il recupero della macchina di Wehrlein. 

"E' stata una buona gara, con il secondo Attack Mode ho subito il FCY e l'ho sprecato. Prendiamo questi punti comunque felici, continuiamo a spingere, lavorare e passiamo alla prossima", dice un Vergne deluso a fine gara.

Porsche, Lotterer saluta a Sainte Devote

In 5 minuti la debacle Porsche si completa con il ritiro di Lotterer, a muro a Sainte Devote, colpito dal traverso in uscita della Mahindra di Rowland. La Safety Car va in pista e Vandoorne ne approfitta per smarcare il secondo Attack Mode, sapendo degli altri piloti ad aver esaurito le attivazioni, tranne Evans.

Vandoorne si rifà del 2021

"E' una sensazione incredibile vincere. Monaco è una delle gare speciali del campionato, lo scorso anno abbiamo passato un momento difficile (ritiro; ndr) qui; quest'anno l'obiettivo era qualificarsi davanti e poi sapevo che saremmo stati in partita", racconta Vandoorne. "Oggi volavamo, grazie tantissimo al team per avermi dato una macchina facile. Sono felicissimo per la regolarità di rendimento che stiamo avendo".

Vandoorne è riuscito a gestire bene il tentativo recupero di Evans in Attack  Mode, di fatto mai concretizzato e tenuto a più di 2" di gap.

Evans e una gestione energetica da analizzare

"E' stata una gara confusa, pensavamo di andare conservativi all'inizio e di avere più energia ma si è rivelato essere il contrario: dovremo analizzare quanto è successo. Volevo vincere, oggi però Stoffel e gli altri sono stati davvero veloci; portiamo a casa comunque buoni punti", dice Evans.

Giù dal podio finisce Robin Frijns, in battaglia con le due DS Techeetah nel finale. Da Costa è quinto, poi Di Grassi, Cassidy e Buemi, ottavo. L'elvetico rimonta dall'ultima posizione in griglia e va a punti davanti a Dennis e De Vries. A secco di energia all'ultimo giro Guenther, fino ad allora in top ten. Buona prestazione, infine, per Antonio Giovinazzi: chiude 14° e solo all'ultimo giro Sette Camara, sulla seconda Dragon, passa davanti per fare 13°. La vittoria a Monaco consente a Vandoorne di prendersi anche la leadership del campionato.

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti