Gare

Vedi Tutte
Gare

Sausset, Zanardi francese a Le Mans senza mani né gambe

Sausset, Zanardi francese a Le Mans senza mani né gambe

Nel 2012 gli hanno amputato gambe e braccia ma non la voglia di correre: l'incredibile storia di Frederic, eroe del motorsport che correrà la 24 Ore di Le Mans 2016

 Francesco Colla

venerdì 12 febbraio 2016 15:27

Ci sono uomini, mezzi uomini, ominicchi, piglianc… e quaquaraqua scriveva Sciascia ne Il giorno della civetta. Poi ci sono gli eroi come Frederic Sausset. Nel 2012 un banale graffio a un dito, poi infettato da un batterio, ha trasformato la sua vita in un calvario. In poche ore le sue condizioni si sono aggravate a tal punto che i medici, per salvargli la vita, hanno dovuto amputargli le gambe sopra al ginocchio, il braccio sinistro sopra al gomito e l’avambraccio destro

Il 18 giugno 2016 Frederic scenderà in pista per disputare la sua prima 24 Ore di Le Mans con una Morgan classe LmP2, ed è iscritto con il numero 56, un numero simbolico a Le Mans perché identifica un box (appunto il “garage 56” che viene assegnato simbolicamente alla 56esima vettura in gara) dedicato volta per volta a una vettura/equipaggio speciale, fuori classifica, che viene accettato in nome di una sfida tecnica originale. Negli ultimi anni il “garage 56” era dedicato alla Deltawing, quel curioso prototipo a due ruote gemellate anteriori. In anni passati quando ancora non se ne parlava, a vetture elettriche e così via. Quest’anno la sfida tecnica è quella di un uomo amputato che vuole guidare alla 24 Ore come un pilota normale. 

Non è la prima volta che a Le Mans corre un pilota menomato: In passato a Le Mans ha corso nel 2007 e nel 2010 anche un pilota senza un braccio, Jean De Pourtale, privo dell’avambraccio sinistro, che guidava tramite uno speciale arto artificiale a uncino. E nel 2010 è riuscito anche a concludere la 24 Ore arrivando 26° assoluto e 10° di classe con un prototipo LmP2. Ora tocca a Frédéric cui più che un classico “in bocca al lupo” deve andare il rispetto e l’ammirazione di tutto il mondo sportivo. 

ALEX ZANARDI: IMPOSSIBILE E' SOLO UNA PAROLA

 

Articoli correlati

Commenti